Della Dott.ssa Peppa, Valentina e i budini al cioccolato.
Della Dott.ssa Peppa, Valentina e i budini al cioccolato.

Ihealthyou Redazione

La storia di oggi è dedicata alla piccola Valentina e alla Dott.ssa Peppa dei Dottor Sogni, Fondazione Theodora.


“Valentina aveva 9 anni, compiuti da poco. È una bambina affetta da miopatia…una malattia che colpisce l’unità motoria e che si manifesta con debolezza muscolare, paresi oppure plegia o paralisi. Per capirci bene: sai quei bambini che appaiono stanchissimi, con le palpebre a metà? Sembrano inebetiti ma in realtà sono vigili, cerebralmente attivi!

Valentina si trovava in terapia intensiva da almeno due settimane, per i primi dieci giorni era stata intubata per insufficienza respiratoria.

Ora – mi raccontava la mamma con preoccupazione – erano più di due giorni che non mangiava niente. Quel giorno visitavo insieme alla Dottoressa Flora… Io ascoltavo i genitori, Flora era già accanto al letto di Valentina che le parlava. Poi le ho raggiunte e ho iniziato a parlare con una bambola che aveva sul letto, una Winks, con le ali. La Winks mi raccontava che era in ospedale perché aveva un paio di ali che non funzionavano bene e non riusciva più a volare bene.

“No problem” - ho detto io – “perché io e la Flora siamo due specialiste e abbiamo inventato il metodo giusto per volare…fare le puzzette!!”

Valetina rideva; Flora ed io abbiamo iniziato a far volare la bambola. Poi anche lei ha alzato il braccio per farla volare. A quel punto la mamma ha chiamato l’infermiera per mostrarle che Valentina aveva mosso il braccio.

Eravamo riuscite a stabilire un clima di fiducia, eravamo entrate davvero in contatto con lei.

Allora, come si fa tra amiche, Flora ed io ci siamo confidate con Valentina…le abbiamo detto che andavamo così pazze per i famosi budini del Buzzi che a volte ne prendevamo 4 o 5 dalla cucina dell’ospedale e li mangiavamo senza farci scoprire…sennò erano guai!! 

Le abbiamo chiesto se ne voleva uno anche lei… ha detto si, ma solo se era al cioccolato. 

Siamo tornate presto con il bottino! E abbiamo mangiato insieme i budini: con Valentina avevamo concordato un gesto, un codice. Quando lei alzava il pollice, potevamo darle un successivo boccone… Ha mangiato metà budino.

Flora, io, Valentina, la mamma, il personale medico e la Winks… eravamo tutti contenti.”




Danila Fiorino – dr.ssa Peppa 

Data pubblicazione: 14 settembre 2018
Data ultimo aggiornamento: 25 settembre 2018
Ihealthyou Redazione
Commenti