Condizione patologica caratterizzata da una perdita parziale dell’attività motoria volontaria di una metà del corpo. Il deficit può essere di grado variabile a volte è tanto modesto da consentire una vita ed una attività lavorativa pressoché normali. L’e. riconosce le stesse cause dell’emiplegia di cui spesso rappresenta l’evoluzione.