FONDAZIONE IRCCS - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI


Rating:
i
Badges
La Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori (INT) - è un istituto di ricovero e cura a carattere scientifico fondato nel 1928. L’inscindibilità, la reciprocità e il continuum funzionale tra clinica e ricerca garantiscono all’Istituto la qualifica di “Comprehensive Cancer Center”, secondo quanto stabilito dall’Organizzazione Europea degli Istituti Oncologici (OECI).
L'Istituto Nazionale dei Tumori (INT) è affiliato alle principali organizzazioni internazionali per la ricerca e cura del cancro (OECI, UICC, WIN, EORTC), ed è membro della rete «Cancer Core Europe» formata dai 7 principali European Cancer Center.
Dal punto di vista scientifico si conferma, in ambito della cura e ricerca sui tumori, come centro di riferimento nazionale e internazionale, sia per i tumori a maggior incidenza che per quelli rari, sia nell’adulto che per l’età pediatrica e adolescenziale.
Con lo sviluppo e l’ampia disponibilità di tecnologie innovative per la profilazione degli aspetti biologico-genetici e molecolari del tumore (in ambito di genomica, proteomica, trascriptomica e metabolomica) l’Istituto Nazionale dei Tumori (INT) è presente con laboratori, tecnologie, ricercatori e studi negli ambiti più avanzati della ricerca biologico-traslazionale.
La Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori (INT) ha da due distaccamenti: il Campus Cascina Rosa e l'Amedeo Lab

All'interno del Campus Cascina Rosa, gli epidemiologi della Fondazione lavorano a progetti di ricerca che osservano l’interazione tra ambiente, stile di vita, alimentazione e insorgenza dei tumori. La ricerca e la collaborazione delle migliaia di persone entrate nei progetti come soggetti volontari hanno contribuito a creare alcuni punti cardine per la prevenzione che il Campus Cascina Rosa propone ai cittadini. L'edificio Amedeo Lab riunisce i diversi dipartimenti di ricerca, nello specifico:

  • la Struttura Complessa Immunologia Molecolare;
  • la Struttura Semplice dipartimentale Terapie Molecolari;
  • la Struttura Complessa Farmacologia Molecolare;
  • la Struttura Semplice Dipartimentale Meccanismi Molecolari;
  • la Struttura Semplice Dipartimentale Bersagli Molecolari;
  • la Struttura Semplice Dipartimentale Epidemiologia Genetica e Farmacogenomica;
  • la Struttura Semplice Dipartimentale Medicina Predittiva: Basi molecolari Rischio genetico e Test genetici. 

Volume attività

Nel 2017 l'attività svolta dall'Istituto Nazionale dei Tumori (INT) è stata:


Day hospital
4.267
Ricoveri
13.789
Interventi chirurgici in regime di ricovero ordinario
6.978
Interventi chirurgici in regime di Day Hospital
2.746
Prestazioni ambulatoriali
1.214.985
Formazione di specializzandi universitari
140
Studi clinici
656 di cui 235 osservazionali e 421 sperimentali

L'Istituto Nazionale dei Tumori (INT) dispone di:

Laboratori di ricerca27
Posti letto464
Macroattività ambulatoriali complesse18
Brevetti16
Registri di Patologia Istituzionali
5

L'Istituto Nazionale dei Tumori (INT) si avvale della seguente strumentazione diagnostica e terapeutica:

Risonanze magnetiche ad elevato campo magnetico- 1,5 Tesla
3
TAC (da 64 e 128 slice)
2
Mammografi digitali diretti
3
Tavolo per biopsie mammarie
1
Strumenti radiologici diversamente dedicati (9 per grafia e 5 per scopia)
14
Angiografo digitale
1
Ecografi
47
PET/TAC2
Laboratori di radiochimica
2
Gamma camere
2
Spect/TAC
1
Acceleratori lineari
6  di cui 2 dotati di Rapidarc
Apparecchiatura per brachiterapia HDR
1
TAC simulatori
2
Simulatore1

Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Offerta sanitaria

Volume attività: n.d i

Il Dipartimento di Patologia Diagnostica e Laboratorio comprende la Struttura Complessa di Anatomia Patologica 1 e 2.

Alla Struttura Complessa di Anatomia Patologica 1 appartiene la Struttura Semplice di Patologia Urologica e Genitale Maschile e Diagnostica istopatologica dell’adulto. L'attività diagnostica e di ricerca riguarda la patologia mammaria, la patologia dell'apparato genitale femminile, la patologia urologica, la patologia gastrointestinale.

Alla Struttura Complessa di Anatomia Patologica 2 appartiene la Struttura Semplice di Ematopatologia, la Struttura Semplice di Patologia dei tessuti molli e dell'osso e diagnostica istopatologica generale e dell'età evolutiva e un laboratorio di  immunoistochimica, di citologia e di patologia molecolare. L'attività diagnostica e di ricerca della Struttura riguarda la patologia toracica, la patologia dei trapianti di fegato, la patologia pediatrica, la patologia ematologica, la patologia dei tessuti molli e la patologia della cute con particolare riferimento ai melanomi

Le due Strutture Complesse condividono le seguenti tecnologie:

  • citometria a flusso a 8 colori;
  • sistema di sequenziamento diretto per acidi nucleici marcato CE-IVD;
  • sequenziatore di nuova generazione;
  • microscopio a dissezione laser;
  • microscopi a fluorescenza;
  • sistemi automatici per PCR;
  • immunocoloratori automatici;
  • sistemi automatici per ibridazione in situ;
  • sistema automatico per TMA.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione, afferente all'Area Critica e di Supporto, si occupa:

  • della valutazione pre-operatoria in degenza e nell’apposito ambulatorio di valutazione pre-operatoria;
  • dell'anestesia generale e loco regionale in pazienti adulti e pediatrici ricoverati nelle varie unità operative chirurgiche;
  • delle sedo-analgesie e dell'assistenza anestesiologica per pazienti in day-surgery;
  • della terapia del dolore post-operatorio attraverso il servizio di "acute pain";
  • dell'assistenza anestesiologica per procedure invasive al di fuori dalle sale operatorie;
  • del posizionamento di cateteri venosi centrali in pazienti adulti e in bambini;
  • delle consulenze per pazienti critici in ospedale e degli interventi per emergenze in Unità di Terapia Intensiva;
  • dell'organizzazione e coordinamento in caso di maxi-emergenza in Unità di Terapia Intensiva;
  • dei corsi di formazione per il personale dell’ospedale in Basic Life support - defibrillation (BLS-D), terapia del dolore e gestione dei cateteri venosi.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Cardiologia, afferente all'Area Critica e di Supporto, riconosce tra i suoi impegni:

  • la valutazione cardiologica dei pazienti candidati a trattamento chirurgico o chemio-terapico;
  • la valutazione preliminare e il monitoraggio della cardiotossicità del trattamento antiblastico con chemioterapici e/o terapie innovative con anticopri monoclonati e farmaci a "bersaglio biologico";
  • la gestione delle emergenze ed urgenze cardiologiche;
  • il supporto cardiologico nelle emergenze intraospedaliere, nelle complicanze cardiache intraoperatorie o nel corso di altre procedure diagnostiche e/o terapeutiche;
  • il monitoraggio cardiologico postoperatorio;
  • la consulenza clinica e diagnostica cardiologica in Unità di Terapia Intensiva.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 4 (Melanomi e Sarcomi), afferisce al Dipartimento di Chirurgia e si occupa di tutti gli aspetti clinici e di ricerca riguardanti il melanoma e i sarcomi delle parti molli.

La Struttura dedicata a Melanomi e Sarcomi è un centro di riferimento nazionale ed internazionale per queste due patologie ed è attualmente referente di patologia (melanoma) per il progetto regionale della Rete Oncologica Lombarda.

Alla struttura complessa afferisce la Struttura Semplice Chirurgia dei Sarcomi che ricopre una posizione consolidata e riconosciuta a livello internazionale come Centro di riferimento per i sarcomi delle parti molli e tumori stromali gastrointestinali (GIST).


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Organizzazione Trapianti di Fegato, afferisce alla Struttura Complessa Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 1 (Epato-gastro-pancreatico). La Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori è l’unica struttura oncologica accreditata dal Ministero della Salute e dalla Regione Lombardia all’attività di trapianto di fegato.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Tumori Peritoneali afferisce alla Struttura Complessa Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 2 (Colon-retto) ed è orientata alla ricerca scientifica ed al trattamento clinico delle neoplasie primitive e metastatiche del peritoneoL’attività clinica è svolta secondo le linee guida internazionali e le linee della Rete Oncologica Lombarda (ROL) e si articola in tre momenti fondamentali:

  • la selezione dei pazienti;
  • il trattamento di chirurgia citoriduttiva con manovre di Peritonectomia (CRS-PP) e il trattamento di chemioterapia intraperitoneale ipertermica (HIPEC);
  • il follow-up.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 2 (Colon-retto), afferente al Dipartimento di Chirurgia, dispone di 25 posti letto di degenza e 4 diversi ambulatori dedicati alla diagnostica e al follow-up della patologia neoplastica colo-rettale, oltre che alla ricerca clinica-sperimentale. La Struttura si occupa di tutti gli aspetti clinici e di ricerca riguardanti i tumori dell'apparato digerente, con particolare riferimento ai tumori colo-rettali


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 1, nota anche come Struttura Complessa Chirurgia Epato-Gastro-Pancreatica e Trapianto di Fegato e afferisce al Dipartimento di Chirurgia.La Struttura Complessa dispone di 15 camere di cui 2 camere per i pazienti immunosopressi o ad alto rischio infettivo. La missione della Struttura Complessa è la cura e la ricerca contro i tumori del tratto epato-bilio-pancreatico, specializzandosi negli interventi più complessi quali il trapianto. Infatti, presso questo reparto sono state stabilite le linee guida, note come i "criteri di Milano", al fine di selezionare i pazienti con tumore da sottoporre a trapianto. Per l'attività di trapianto la Struttura fa riferimento al Centro di coordinamento Interregionale per le donazioni e l'allocazione del Nord Italia (NITp).La Struttura Complessa è Centro di formazione ed educazione della Scuole di Chirurgia e di Gastroenterologia dell'Università di Milano nonché della Scuola di Chirurgia Epatica dell'Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI). 


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori


Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Chirurgia Maxillo Facciale afferisce alla Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria si occupa prevalentemente del trattamento chirurgico delle neoplasie di testa e collo che necessitano di  resezioni  e ricostruzioni complesse anche con l'impiego di lembi micro vascolari e mediante protesi personalizzate. 


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia Oncologica in Fascia Pediatrica afferisce al Dipartimento di Chirurgia. Opera in regime di collaborazione con la Struttura Complessa di Pediatria Oncologica e quando necessario con le diverse Strutture del Dipartimento di Chirurgia, per fornire il miglior trattamento possibile nell’ottica della multidisciplinarietà. La Struttura Semplice Dipartimentale ha a disposizione 1 sala operatoria settimanale per gli interventi.


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Chirurgia Toracica afferisce al Dipartimento di Chirurgia e si occupa del trattamento dei tumori del polmone, del mediastino, della parete toracica e dell'esofagoL'Istituto è un centro di riferimento nazionale per il trattamento dei tumori del torace ad alta complessitàOltre a una vasta esperienza nell'ambito della chirurgia esofagea, pediatrica e dei sarcomi, la Struttura Complessa ha sviluppato e introdotto numerose tecniche innovative, come la "rib-like technique", che consente di ricostruire in maniera simmetrica la parete toracica dopo resezioni costali anche molto estese.


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Oncologia Chirurgia Urologica afferisce al Dipartimento di Chirurgia e comprende la Struttura Semplice Chirurgia del TesticoloL’attività clinica della struttura si articola in un reparto di degenza con:

  • 26 posti letto;
  • 1 stanza ambulatoriale per visite urologiche;
  • 1 stanza ambulatoriale per prime visite, consulenze e controlli dei pazienti in trattamento medico;
  • 1 stanza ambulatoriale dedicata alle neoplasie del pene;
  • 1 ambulatorio per le terapie conservative delle neoplasie del pene;
  • 1 sala endoscopica.

Per quanto riguarda le neoplasie della prostata l’attività clinica e di ricerca della struttura è integrata nell’ambito del Programma Prostata dell’Istituto.   


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Cure Palliative, Terapia del Dolore e Riabilitazione, facente parte del Dipartimento di Area Critica e di Supporto, ha lo scopo di migliorare la qualità della vita attraverso cure del doloreriabilitazione oncologica. Il centro è parte costitutiva dell'European Palliative Care Research Center con l'Università di Scienze e Tecnologica di Trondheim e con l'Università di Oslo e partecipa al Research Network dell'EAPC.

L'offerta di Cure Palliative si articola in diversi setting di cura:

  • ambulatorio Day-Hospital;
  • assistenza domiciliare;
  • degenza in Unità di Cure Palliative (Hospice);
  • consulenza interna all'Istituto.

La qualità della vita del malato è al centro del progetto clinico e viene considerata sia dal punto di vista del sollievo dei sintomi fisici che di quelli psicologici, sociali e spirituali. La filosofia della struttura, infatti, si basa sul lavoro di team multidisciplinari. Inoltre, l'assistenza viene personalizzata ai bisogni del paziente con lo scopo di facilitare e supportare gli aspetti positivi di ogni storia clinica mediante interventi specifici e mirati, anche al sostegno della famiglia.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Ematologia, afferente al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia, si occupa della diagnosi e del trattamento delle neoplasie ematologiche del paziente adulto. L'attività diagnostica e terapeutica viene svolta in regime ambulatoriale, Day Hospital (DH) e di ricovero ordinario. La struttura è accreditata per l'esecuzione di tutti i tipi di trapianto dalla:


Infatti, oltre alle terapie convenzionali e sperimentali nella struttura vengono eseguite procedure di trapianto di cellule staminali emopoietiche autologhe ed allogeniche, sia da donatore familiare HLA-identico, che da donatore da banca, da cordone ombelicale o da donatore aploidentico. Inoltre, i pazienti hanno spesso la possibilità di accedere attraverso studi clinici a farmaci innovativi non ancora in commercio in Italia. La struttura conduce studi clinici di fase I, II e III nel campo della chemioterapia, dell' immunoterapia e della terapia anti-infettivaNell’ambito della terapia cellulare, è stata l’unico centro italiano a partecipare allo studio con le CAR-T cells nei linfomi aggressivi.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Endoscopia Diagnostica e Chirurgia Endoscopica afferisce al Dipartimento di Chirurgia ed è caratterizzata da finalità clinico-assistenziali e di ricerca pre-clinica, clinica e traslazionale, rivolte alla diagnosi e cura di:

  • patologie gastrointestinali e biliopancreatiche;
  • neoplasie dell'apparato respiratorio;
  • neoplasie del tratto urinario.

La struttura:

  • è tra le prime 10 Unità di Endoscopia Digestiva che ha superato l'accreditamento nazionale della Società Italiana di Endoscopia Digestiva (SIED);
  • è Centro di riferimento regionale per il programma di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce del cancro colo-rettale;
  • è parte integrante del gruppo di lavoro multidisciplinare dell'Istituto che ha ottenuto la qualifica di Centro di eccellenza nel dicembre 2010 da parte della European Neuroendocrine Tumor Society (NETs).


Gli esami endoscopici sono eseguiti su sale, di cui radioprotetta. Inoltre, la Struttura Complessa dispone di ambulatori settimanali per visite cliniche e posti letto.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Dipartimentale di Consulenza Genetica Oncologica afferisce al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia.

L'obiettivo principale della struttura è di identificare gli individui a rischio genetico aumentato, cui fornire nell’ambito di un percorso medico integrato di consulenza genetica, appropriati programmi di sorveglianza e possibili opzioni preventive. La consulenza genetica medica oncologica è quindi rivolta agli individui che potenzialmente possono beneficiare di una approfondita valutazione del proprio rischio genetico oncologico, cioè a coloro che presentano un’anamnesi oncologica personale e/o famigliare riconducibile alla presenza di una forma di suscettibilità geneticamente determinata allo sviluppo di neoplasie.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Ginecologia Oncologica afferisce al Dipartimento di Chirurgia e comprende anche la Struttura Semplice di Terapia Medica GinecologicaLa Struttura  Complessa è un centro di riferimento nazionale ed internazionale  per  il trattamento chirurgico di tutte le principali patologie oncologiche dell’apparato genitale  femminile. Infatti, la struttura è referente per il progetto regionale della Rete Oncologica Lombarda (ROL) ed è stata accreditata dalla Società Europea di Oncologia Ginecologica (ESGO) per il training specialistico in questo campo. Inoltre, all’interno dell’Istituto si perseguono programmi di:

  • valutazione delle masse pelviche;
  • screening del cancro ovarico e dell'endometrio per le pazienti ad alto rischio;
  • diagnosi e cura delle infezioni da HPV (Papilloma Virus Umano) attraverso l'attività del Centro Multispecialistico HPV.

L'attività clinica si svolge in regime di degenza, Day Hospital (DH) e ambulatoriale.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Medicina di Laboratorio (Analisi Chimico-Cliniche), afferente al Dipartimento Dipartimento Patologia Diagnostica e Laboratorio, fornisce il proprio servizio ai pazienti sia in regime di degenza sia ambulatoriale ed è articolata in 3 aree e settori diagnostici:

1. Area Biochimica Clinica che comprende: 

-la Chimica clinica dove si:

  • determinano analisi di essenziali e di proteine specifiche in campioni ematici e in liquidi biologici;
  • svolgono test finalizzati allo studio della funzione d’organo in pazienti oncologici sottoposti a terapia;
  • supporta la diagnostica ai trial clinici;
  • gestiscono i sistemi analitici per l’esecuzione delle analisi decentrate - Point Of Care Testing (POCT).

- l'Immunochimica dove si: 

  • svolgono indagini finalizzate alla valutazione delle patologie endocrine mediante il dosaggio di ormoni;
  • identificano e dosano i biomarcatori tumorali utili alla diagnosi, prognosi e monitoraggio delle terapie oncologiche;
  • dosano i livelli di farmaci immunosoppressori somministrati a pazienti sottoposti a trapianto di fegato e midollo;
  • dosano e valutano prognostica dei marcatori precoci di danno miocardico in pazienti sottoposti a chemioterapia e/o interventi chirurgici;
  • il dosaggio dei livelli di vitamine.

- le Indagini siero-proteiche e urinarie che comprendono:

  • l'identificazione di pazienti con discrasie plasmacellulari mediante caratterizzazione e dosaggio di proteine anomale plasmatiche e urinarie;
  • l'analisi chimico fisica delle urine e lettura del sedimento;
  • la ricerca di sangue occulto per la diagnosi precoce di patologie del tratto gastroenterico.

2. Area Ematologia e Coagulazione che comprende i seguenti due settori:

- l'Ematologia dove si esegue:

  • la determinazione dei parametri emocitometrici;
  • la conta automatizzata dei reticolociti;
  • l'esame morfologico dello striscio di sangue periferico;
  • la valutazione morfologica degli agoaspirati midollari.

- la Coagulazione dove si esegue:

  • valutazione dei principali fattori del processo coagulativo;
  • monitoraggio della terapia anticoagulante orale (TAO).

3. Area Microbiologia dove si esegue:

  • la ricerca di batteri patogeni e miceti nei materiali biologici;
  • l'isolamento e identificazione biochimica di batteri e miceti;
  • l'esecuzione di colorazioni specifiche (Gram) per vari tipi di microrganismi patogeni;
  • la determinazione della sensibilità in vitro dei microorganismi agli antibiotici;
  • la ricerca diretta di antigeni, anticorpi e tossine di microrganismi difficilmente coltivabili;
  • la ricerca di parassiti intestinali.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT), afferente al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia, effettua indagini di laboratorio e prestazioni di medicina trasfusionale.

L’appropriatezza e della sicurezza trasfusionale e l’adeguamento alle normative e alle innovazioni tecniche e scientifiche sono approvate e coordinate dal Comitato Trasfusionale Ospedaliero (CTO). La Struttura Complessa fornisce i seguenti servizi di attività clinica e di laboratorio:

  • centro raccolta sangue ed emocomponenti;
  • centro di aferesi terapeutica;
  • autodonazione;
  • distribuzione emocomponenti ed emoderivati;
  • attività di laboratorio: immunoematologia, microbiologia e virologia, biochimica clinica e tossicologia. 


In particolare all'interno dei laborati si svolge lo studio della compatibilità tessutale per trapianti di midollo osseo, l'arruolamento di donatori di midollo osseo famigliari, non familiari con HLA-identico (MUD) e l'associazione tra HLA  e malattie. Inoltre, si effettua la ricerca di marcatori infettivologici per le malattie trasmissibili col sangue e di virus di interesse nel campo onco-ematologico.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Medicina Oncologica 1, afferente al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia, è inserita nella Rete Oncologica della Regione Lombardia (ROL)Alla Struttura Complessa afferiscono le seguenti Strutture Semplici:

  • Oncologia Medica Gastroenterologica; 
  • Oncologia Medica Melanomi;

  • Oncologia Medica Toraco-polmonare;
  • Oncologia Medica Genitourinaria;
  • Immunoterapia Clinica e Terapie Innovative.


La Struttura Complessa si occupa della terapia medica di malati affetti da tumori solidi in regime ambulatoriale, Day Hospital (DH) e di ricovero. La Struttura Complessa ha un reparto di degenza con 22 letti seguiti da uno staff medico dedicato e 9 ambulatori di visita divisi per patologia. Inoltre, la Struttura si avvale di 1 laboratorio per processare i campioni biologici, di farmacocinetica e di farmacodinamica e di 1 sala di terapia - Day Hospital (DH) Medico.


Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice di Oncologia Medica Gastroenterologica, afferente alla struttura complessa Oncologia medica 1, si occupa della diagnosi, e del trattamento medico delle neoplasie del colon-retto, dell’esofago e dello stomaco, del pancreas e delle vie biliari.

Per il trattamento dei tumori neuroendocrini, dal 2010 è stato istituito un gruppo multidisciplinare, chiamato Tumour Board NET che ha ricevuto la certificazione di Centro di Eccellenza dalla società europea European Neuroendocrine Tumour Society (ENETs).


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori 

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Oncologia Medica Genitourinaria, afferente alla Struttura Complessa Oncologia Medica 1, si occupa di tumori della prostata, del rene e del corticosurrene. La Struttura mette a disposizione la possibilità di partecipare a studi clinici con farmaci innovativi previa approvazione del Comitato Scientifico e del Comitato Etico.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice di Oncologia Medica Toraco-Polmonare, afferente alla Struttura Complessa di Oncologia Medica 1, ha come obiettivo la cura dei pazienti affetti da neoplasie toraciche attraverso la massima personalizzazione dei loro trattamenti. La Struttura Semplice è coinvolta nel Centro Accoglienza Torace (CAT) che è un progetto assistenziale volto all’ottenimento di una diagnosi concreta di una sospetta neoplasia del torace in tempi brevissimi, al fine di offrire al paziente un piano terapeutico personalizzato.


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Oncologia Medica dei Tumori Mesenchimali dell'Adulto e Tumori Rari afferisce al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia e dispone di 4 stanze ambulatoriali e 6 letti di degenza. La Struttura svolge attività clinica in regime ambulatoriale, Day Hospital (DH) e di degenza. Inoltre, quest'ultima lavora in rete geografica, principalmente attraverso:

  • la Rete Tumori Rari, che opera in tutto il territorio nazionale e di cui cura il coordinamento clinico-scientifico-organizzativo;
  • la Rete Oncologica Lombarda (ROL), che opera in Lombardia e di cui coordina l’ambito relativo ai sarcomi e tumori rari.


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Oncologia Medica 3 - Tumori Testa-Collo afferisce al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia e si occupa della persona affetta da neoplasia del distretto cervico-facciale

Segue i propri Pazienti attenendosi a linee guida diagnostiche e terapeutiche interne aggiornate periodicamente. I principali protocolli di diagnosi e terapia sono derivati da tre fonti: la letteratura internazionale, le linee guida internazionali (National Comprehensive Guidelines in Oncology (NCCN) e National Cancer Institute PDQ), e nazionali ove esistenti (Rete Oncologica Lombarda (ROL)). All'interno di quest'ultima, la Struttura fornisce consulenze attraverso lo strumento del Teleconsulto.


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Pediatria Oncologica afferisce al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia occupandosi di bambini, adolescenti e giovani adulti affetti da tumori solidi dell’età pediatrica

Per quanto riguarda i tumori neuroectodermici primitivi (PNET)/medulloblastoma e l’ependimoma, il centro è il coordinatore nazionale nell’ambito dei protocolli attuali e futuri dei centri di oncologia pediatrica che fanno capo all’Associazione Italiana di Ematologia ed Oncologia Pediatrica (AIEOP) ed alla Società Internazionale di Oncologia Pediatrica (SIOP).

Per quanto il nefroblastoma e i tumori del rene il Centro è coordinatore di un protocollo AIEOP. Inoltre, nell’ambito della comunità internazionale di oncologia pediatrica, il centro coordina il trattamento per le ricadute del nefroblastoma della SIOP

Il centro è accreditato dall’Associazione Innovative Therapies for Children with Cancer (ITCC) per cui sono aperti studi sperimentali con terapie innovative sponsorizzati da enti accademici o ditte farmaceutiche.


Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria afferisce al Dipartimento di Chirurgia e comprende la Struttura Semplice Chirurgia Maxillo Facciale. L’attività diagnostica e di follow-up è condotta in ambulatori dedicati a specifici aspetti della patologia di testa e collo:

  • ambulatorio di patologia orale;
  • ambulatorio divisionale;
  • ambulatorio multidisciplinare di patologia tiroidea;
  • ambulatorio multidisciplinare oncologia testa e collo. 

Presso la struttura è attivo un percorso riabilitativo per il paziente laringectomizzato. La Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria  svolge attività di cura:

  • in regime di ricovero ordinario presso il reparto di degenza che comprende 26 posti letto;
  • in regime ambulatoriale;
  • in regime di Day Hospital.

La Struttura Complessa di Otorinolaringoiatriaall’interno della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori, è ente attuatore delle linee guida della Rete Oncologica Lombarda (ROL).


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Dipartimentale di Pneumologia afferisce al Dipartimento Area Critica e di Supporto. Le principali aree di interesse nelle quali svolge la sua attività:

  • valutazioni pre-operatorie dei pazienti candidati a chirurgia oncologica, in particolare per i pazienti affetti da neoplasie toraciche;
  • consulenze pneumologiche per i degenti in Istituto, complicatisi dal punto di vista respiratorio, con impostazione di progetti riabilitativi respiratori dedicati;
  • valutazione funzionale longitudinale dei pazienti candidati a trattamenti chemioradioterapici potenzialmente pneumotossici;
  • continuità assistenziale dei pazienti seguiti in Istituto, affetti da malattie respiratorie oncologiche e non;
  • attività diagnostico-terapeutica ambulatoriale nel settore delle malattie respiratorie non oncologiche;
  • attività diagnostico-terapeutica ambulatoriale delle complicanze polmonari legate al fumo di sigaretta, con un percorso assistenziale dedicato.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Dipartimentale di Psicologia Clinica afferisce al Dipartimento Area Critica e di Supporto. Il servizio della struttura è rivolto a:

  • pazienti ricoverati;
  • pazienti in regime ambulatoriale;
  • familiari di pazienti oncologici;

L’intervento psicologico è finalizzato a:

  • comprendere la soggettività dell’esperienza di malattia oncologica e delle relative implicazioni terapeutiche;
  • contenere l’impatto dei principali problemi psicologici legati alla malattia (ansia, depressione ed altri disturbi di adattamento);
  • promuovere l’integrazione della malattia nella propria esperienza di vita; 
  • sostenere lo sviluppo e l’utilizzo di modalità comportamentali funzionali e adattative;
  • favorire una comunicazione più aperta in famiglia e con l’equipe di cura;
  • insegnare tecniche di rilassamento da utilizzare durante le diverse fasi in cui si articola il percorso terapeutico;
  • incoraggiare i soggetti ad affrontare l’incertezza del futuro con maggiore consapevolezza;
  • collocare le problematiche del presente attuale all’interno di un più ampio scenario.

In particolare, l'Istituto propone diversi progetti specifici a supporto del paziente:

  • ambulatorio Giocoparola;
  • logoterapia ed analisi esistenziale in oncologia;
  • touch therapy;
  • corso Itaca;
  • progetto disassuefazione dal fumo;
  • programma prostata;
  • progetto laboratorio artistico – LILT.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

Le Strutture Complesse di Radioterapia 1 e 2 afferiscono al Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radioterapia. All'interno della Struttura Complessa di Radioterapia 1 afferiscono le Strutture Semplici di: 

  • Radioterapia dei Tumori della Mammella che generalmente eroga i propri trattamenti a seguito degli interventi di chirurgia conservativa o di mastectomia;
  • Radioterapia Pediatrica che è il centro responsabile per la radioterapia di due protocolli nazionali dell’Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica (AIEOP) per la cura dell’ependimoma e del tumore di Wilms. Questa unità è anche centro italiano di riferimento per i protocolli europei della Società Internazionale di Oncologia Pediatrica (SIOP) per il trattamento del medulloblastoma;
  • Radioterapia dei Tumori Genitourinari.


Inoltre, dal 2014, sono state attivate risorse specifiche per le prime visite di pazienti che necessitino di radioterapia a finalità palliativa

La Struttura Complessa di Radioterapia 2 è composta da una sezione ambulatoriale e da una sezione di degenza che dispone di 8 letti


 Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Cure Palliative, Terapia del Dolore e Riabilitazione, facente parte del Dipartimento di Area Critica e di Supporto, ha lo scopo di migliorare la qualità della vita attraverso cure del dolore e riabilitazione oncologica. Il centro è parte costitutiva dell'European Palliative Care Research Center con l'Università di Scienze e Tecnologica di Trondheim e con l'Università di Oslo e partecipa al Research Network dell'EAPC.

La Riabilitazione Oncologica si prende cura attraverso una ampia proposta di interventi sia degli esiti post chirurgici che degli esiti cronici dei trattamenti e della malattia nell’adulto e nel soggetto pediatrico. I percorsi diagnostico terapeutici dei pazienti sono finalizzati al recupero dell'autonomia.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa di Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 3 (Senologia), afferente al Dipartimento di Chirurgia, tratta tutti gli aspetti clinici e di ricerca clinico-scientifica che riguardano la patologia mammaria in generale e le neoplasie della mammella in particolare. La Struttura si configura come vera e propria Breast Unit e sviluppa la sua attività:

  • in regime di ricovero, con 20 letti di degenza ordinaria e 5 sale operatorie settimanali;
  • in regime ambulatoriale, con 4 sale settimanali di Day Hospital (DH) e di One Day Surgery (ODS).


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice di Terapia Intensiva, afferente alla Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione, accoglie nei suoi 6 posti letto pazienti post chirurgici a maggior rischio per comorbilità, pazienti complessi dopo chirurgia maggiore e pazienti che in acuto presentano criticità nel percorso di cura in atto. 


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Volume attività: n.d i

La Struttura Semplice Dipartimentale di Rianimazione e Terapia Intensiva - Nutrizione Parenterale, afferisce all'Area Critica e di Supporto.

L'attività clinica si differenzia in: prestazioni per interni, che si svolgono in tutti i reparti clinici dell'Istituto, in letti dedicati per trattamenti nutrizionali e prestazioni per esterni, che si svolgono a livello ambulatoriale e domiciliare.

L'attività clinica della struttura mira al mantenimento o miglioramento dello stato nutrizionale nel paziente affetto da neoplasia, durante tutto il suo iter terapeutico al fine di migliorare la tolleranza ai trattamenti medici, chirurgici e radioterapici, ridurre i tempi di degenza ospedaliera e garantire una discreta qualità di vita.

In particolare vengono trattati i pazienti con patologie ad elevato rischio di malnutrizione quali:

neoplasie del tratto gastroenterico;
• neoplasie del peritoneo;
• neoplasie del tratto testa collo.

Vengono, inoltre, trattati pazienti liberi da malattia oncologica, ma affetti da complicanze croniche dei trattamenti subiti.

La struttura è Centro di riferimento per la nutrizione artificiale domiciliare, e dov'è necessario proseguire il programma nutrizionale oltre il periodo ospedaliero, la struttura garantisce la corretta impostazione, formazione e prosecuzione della terapia nutrizionale anche dopo la dimissione ospedaliera.


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori 

Volume attività: n.d i

La Struttura Complessa Oncologia Medica 2 - Tumori Mesenchimali dell’Adulto e Tumori Rari afferisce al Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia. La struttura lavora in rete geografica, principalmente attraverso:

  • la Rete Tumori Rari, che opera in tutto il territorio nazionale e di cui cura il coordinamento clinico-scientifico-organizzativo;
  • la Rete Oncologica Lombarda, che opera in Lombardia e di cui coordina l’ambito relativo ai sarcomi e tumori rari.


La Rete Tumori Rari é una collaborazione permanente tra circa 200 centri oncologici su tutto il territorio nazionale, finalizzata al miglioramento dell'assistenza ai pazienti con tumori rari, attraverso la condivisione a distanza dei casi clinici, l'assimilazione della diagnosi e del trattamento secondo criteri comuni, il razionale accesso dei pazienti alle risorse di diagnosi e di cura. 


Fonte: Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori

Centri specialistici

Volume attività: n.d.i
Serve aiuto?