Cuore polmonare cronico

Illustrazione 3d di un cuore per descrivere il Cuore polmonare cronico

 

Il cuore polmonare cronico è una condizione in cui si verifica un’alterazione strutturale o funzionale del ventricolo destro del cuore, determinata da patologie che colpiscono i polmoni, la circolazione polmonare o l’intero processo respiratorio. E’ una delle principali complicanze dell’ipertensione polmonare.

 

 

Descrizione del cuore polmonare cronico

Il cuore è costituito da quattro camere cave e due porzioni simmetriche: il cuore sinistro, formato dalla camera superiore detta atrio e quella inferiore detta ventricolo, e il cuore destro, costituito anch’esso da un atrio e un ventricolo. In un ciclo cardiaco il sangue (sia quello ricco di ossigeno derivante dalla circolazione polmonare che quello non ossigenato derivante dalla circolazione sistemica) riempie le camere cave del cuore che successivamente  pomperà il sangue nelle arterie.

 

La circolazione polmonare è la circolazione responsabile della ri-ossigenazione del sangue. Il sangue che proviene dai tessuti periferici, povero di ossigeno, infatti, riempie prima l’atrio e poi il ventricolo destro, e in seguito, attraverso una contrazione del ventricolo destro, sarà spinto nell’arteria polmonare. Dall’arteria polmonare dipartono i vasi arteriosi, i capillari e i vasi venosi che sono responsabili della perfusione del sangue all’interno dei polmoni, in questo modo, il sangue verrà arricchito di ossigeno nei capillari dei polmoni e poi sarà trasportato attraverso le vene polmonari di nuovo al cuore, nell’atrio sinistro. Successivamente il sangue arriva nel ventricolo sinistro, che si contrarrà per spingere il sangue nella circolazione sistemica, in modo da far arrivare l’ossigeno ai tessuti periferici. La pressione che esercita il sangue sulla parete dell’arteria polmonare è detta pressione polmonare, se questo parametro supera i valori fisiologici, si parla di ipertensione polmonare.

 

 

 

 

Quando l’ipertensione polmonare, a causa di malattie che colpiscono il polmone, aumenta troppo, il cuore destro può risultare affaticato, e adotterà una serie di modificazioni strutturali (ad esempio una dilatazione o un ispessimento delle pareti) e funzionali che prendono il nome di cuore polmonare.

 

A seconda della velocità di insorgenza di questa condizione e dei conseguenti effetti sul ventricolo destro è possibile distinguere il cuore polmonare acuto da quello cronico. Nel cuore polmonare cronico, a causa di malattie come la broncopneumopatia cronica ostruttiva, si verifica un’ipertensione polmonare a lento sviluppo, che causa progressivamente un lavoro sempre maggiore del cuore destro. Questo aumentato lavoro genera una risposta compensatoria del ventricolo, che cercherà di conservare la quantità di sangue pompata nella circolazione polmonare, finché il lavoro non aumenta eccessivamente oppure la funzione del cuore è gravemente compromessa a causa di ischemia o altre condizioni patologiche.

 

 

La diagnosi di cuore polmonare cronico

Il cuore polmonare cronico può essere verificato attraverso i seguenti esami diagnostici:

 

  • elettrocardiogramma (ECG), questo esame registra l’andamento dell’impulso elettrico cardiaco ed in caso di cuore polmonare potrebbero verificarsi delle anomalie nel tracciato;
  • ecocardiogramma, esame che, attraverso l’utilizzo di ultrasuoni, è in grado di fornire informazioni sulla struttura cardiaca ed eventualmente evidenziare le anomalie strutturali dovute al cuore polmonare. È ritenuto lo strumento più importante per la diagnosi e il monitoraggio di questa patologia;
  • radiografia del torace, o TC del torace, esami di imaging che sfruttano i raggi X e possono rivelare un ingrossamento del ventricolo destro o delle arterie polmonari;
  • test cardio-polmonare da sforzo, esame che monitora sia il battito cardiaco che la respirazione del paziente quando è sottoposto a uno sforzo fisico.

 

Per valutare la gravità del cuore polmonare, occorrerebbe anche misurare l’ipertensione polmonare. La diagnosi certa di ipertensione polmonare si può ottenere grazie al test di cateterismo cardiaco, questo esame invasivo, in cui viene inserito un tubicino flessibile attraverso una vena fino al cuore, permette di misurare la pressione polmonare in maniera diretta.

 

 

Uomo sofferente si tiene le mani al petto a causa del cuore polmonare cronico

 

 

I sintomi e le complicanze del cuore polmonare cronico

Di solito, i sintomi riportati dai pazienti con ipertensione polmonare sono poco specifici e sono simili a quelli che si manifestano in seguito ad esercizio fisico intenso. Tra questi:

  • fiato corto;
  • stanchezza;
  • aumento del battito cardiaco;

 

Tra i sintomi specifici e più gravi:

  • dolore al petto;
  • gonfiore alle gambe o ai piedi;
  • sincope;
  • tosse eccessiva;
  • respiro sibilante;
  • stanchezza eccessiva;

 

Il cuore polmonare cronico è una condizione clinica che va attentamente trattata e monitorata, perché può condurre a gravi problemi cardio-respiratori come insufficienza cardiaca, insufficienza respiratoria, ischemia.

 

 

Trattamento del cuore polmonare cronico

Il trattamento del cuore polmonare cronico mira principalmente a trattare la causa che ha scatenato la malattia con l'obiettivo di migliorare l'ossigenazione e la funzione del ventricolo destro. Le terapie d’elezione generalmente sono rappresentate dall’ossigenoterapia e dalla somministrazione di farmaci diuretici e per insufficienza cardiaca.

 

Il cuore polmonare cronico si sviluppa a seguito di ipertensione polmonare, per cui è importante, cercare di rimuovere le cause che innescano la pressione alta ai polmoni. Consulta le schede sull’insufficienza cardiaca, sull’enfisema polmonare, sulla broncopneumopatia cronica ostruttiva e sulla fibrosi polmonare per saperne di più.

 

 

 

Fonti:
  • Associazione malati ipertensione polmonare;
  • Pulmonary Hypertension Association;
  • Science Direct;
  • Healthline;
  • Science Direct 2;
  • Thenappan T, Ormiston ML, Ryan JJ, Archer SL. Pulmonary arterial hypertension: pathogenesis and clinical management. BMJ. 2018 Mar 14;360:j5492. doi: 10.1136/bmj.j5492. PMID: 29540357; PMCID: PMC6889979;
  • Forfia PR, Vaidya A, Wiegers SE. Pulmonary heart disease: The heart-lung interaction and its impact on patient phenotypes. Pulm Circ. 2013;3(1):5-19. doi:10.4103/2045-8932.109910;
  • Mandoli, G. E., Sciaccaluga, C., Bandera, F., Cameli, P., Esposito, R., Cameli, M. (2020). Cor pulmonale: the role of traditional and advanced echocardiography in the acute and chronic settings. Heart Failure Reviews.doi:10.1007/s10741-020-10014-4;
  • Garrison DM, Pendela VS, Memon J. Cor Pulmonale. [Updated 2020 Aug 11]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK430739/.

 

 

Ricerche degli utenti

  • Aritmia cardiaca

    L’aritmia cardiaca è un’anomalia della frequenza o del ritmo del cuore, dovuta a un’alterazione dei sistemi di conduzione dell’impulso elettrico del cuore.

  • Aritmia ventricolare

    L’aritmia ventricolare è una condizione in cui il ritmo cardiaco che si origina dai ventricoli risulta alterato.

  • Blocco atrio-ventricolare

    Il blocco atrio-ventricolare è un disturbo nella conduzione dell’impulso elettrico del cuore, in condizioni di bradicardia.

  • Extrasistole ventricolare

    L’extrasistole ventricolare è una condizione fisiologica e innocua in cui il ritmo cardiaco risulta alterato.

  • Valvulopatia

    La valvulopatia è una malattia conseguente ad un malfunzionamento delle valvole cardiache.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!