Blocco intestinale

Illustrazione 3d di un intestino per descrivere l'ostruzione intestinale

 

Il blocco intestinale è una condizione caratterizzata dal blocco, parziale o totale, del transito dei prodotti della digestione lungo il canale dell'intestino.

 

 

Cos’è il blocco intestinale?

Il blocco intestinale, definito anche ostruzione intestinale, è una condizione patologica che si verifica quando il transito di solidi, liquidi o gas lungo il canale dell’intestino è impedito, del tutto o in parte, dalla presenza di ostacoli o dal malfunzionamento del viscere. Anatomicamente, l’intestino umano è un canale che va dal piloro, che lo separa dallo stomaco, fino all’ano. Viene suddiviso in due parti: il tenue o piccolo intestino e il crasso o grosso intestino. Il primo è costituito da tre segmenti, il duodeno, il digiuno e l’ileo; il secondo comprende sei tratti: il cieco, il colon ascendente, il colon trasverso, il colon discendente il sigma e il retto.

 

 

 

 

Quali sono le cause del blocco intestinale?

L'ostruzione intestinale può essere determinata da ostacoli meccanici che impediscono fisicamente il transito del contenuto intestinale all'interno del lume della struttura. Tra questi vi possono essere:

  • corpi estranei ingeriti spesso accidentalmente;
  • erniazioni;
  • fecalomi;
  • aderenze cicatriziali post chirurgiche;
  • calcoli della colecisti;
  • intussuscezione o invaginazione intestinale (si ha quando le anse si infilano una dentro l'altra);
  • volvolo (torsione dell'intestino).

 

Il blocco dell'intestino può essere determinato anche da malfunzionamento viscerale. È detto ileo paralitico, una condizione nella quale non ci sono impedimenti evidenti che occludono il canale intestinale il quale però non è in grado di esercitare le sue normali funzioni. I motivi possono essere diversi, tra questi:

  • squilibri elettrolitici o chimici, ad esempio abbassamento dei livelli di potassio;
  • interventi chirurgici addominali;
  • infezioni causate da batteri o da virus (gastroenteriti);
  • diminuzione dell'afflusso di sangue all'intestino che non riceve nutrimento sufficiente;
  • appendicite acuta;
  • patologie extraintestinali (ad esempio malattie del rene o del polmone);
  • utilizzo di specifici farmaci, tra i quali in particolare la morfina e i suoi derivati.

 

L'ileo paralitico è anche chiamato sub-occlusione e rappresenta la causa principale di ostruzione intestinale nei neonati e nei bambini.

 

 

Foto di una donna seduta su un letto mentre si stringe la pancia per i dolori da blocco intestinale

 

 

Quali sono i sintomi del blocco intestinale?

La sintomatologia del blocco intestinale può comprendere diverse manifestazioni tra le quali si possono includere:

  • meteorismo (accumulo di gas nell'intestino);
  • distensione dell'addome (pancia gonfia);
  • stitichezza oppure diarrea;
  • dolori e crampi addominali;
  • vomito.

 

 

Come si esegue la diagnosi di blocco intestinale?

Il medico può sospettare l'esistenza di un'ostruzione a livello intestinale tramite anamnesi e visita del paziente che di solito presenta addome gonfio e dolente alla palpazione manuale. In ogni caso è possibile eseguire diversi accertamenti strumentali che consentono di confermare la diagnosi. Tra questi:

 

 

Come si cura il blocco intestinale?

Il trattamento, a volte, può essere molto semplice e consiste nella posa di un sondino naso-gastrico. Questo è un piccolo tubo che viene inserito in una narice e poi sospinto lungo l'apparato digerente passando per l'esofago e lo stomaco per giungere, infine, nel lume intestinale. In questo modo si risolve spesso il gonfiore dell'addome e anche il vomito. Nei casi in cui ci si trovi di fronte a un blocco dell'intestino crasso, ad esempio causato da una torsione intestinale (volvolo), si può posizionare un tubo nel grosso intestino introducendolo attraverso l'orifizio anale e proseguendo poi fino al punto dove è necessario collocarlo. In una buona parte di casi questo trattamento consente di risolvere l'ostruzione. Altre volte, però, è necessario invece procedere con un intervento chirurgico, soprattutto in quei casi dove si è verificata necrosi dei tessuti intestinali per insufficiente apporto sanguigno o quando la causa dell'ostruzione non è altrimenti eliminabile, ad esempio una neoplasia.

 

 

Quali sono le complicanze del blocco intestinale?

Le complicanze di questa manifestazione patologica possono essere le seguenti:

  • infezioni;
  • disidratazione;
  • squilibri elettrolitici;
  • perforazione della parete dell'intestino con conseguente peritonite;
  • ittero (colorazione gialla della cute e della sclera oculare);
  • infarto intestinale cui segue la necrosi (morte) dei tessuti

 

 

Fonti:

 

In sintesi

Il blocco intestinale è una condizione caratterizzata dall’impedimento, parziale o totale, del transito dei prodotti della digestione lungo il canale dell'intestino.

Ricerche degli utenti

    Informati: la salute con Ihealthyou

    In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



    Entra nella community

    Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
    scopri come prenderti cura della tua salute!