Coartazione aortica

Illustrazione 3d del sistema cardiocircolatorio per descrivere coartazione aortica

 

La coartazione aortica è una malattia congenita che consiste in un restringimento dell’aorta, l’arteria che origina dal ventricolo sinistro del cuore e che è responsabile del trasporto del sangue ossigenato a tutti i tessuti dell’organismo.

 

 

Descrizione della coartazione aortica 

La coartazione aortica è una malattia ereditaria, con pattern di ereditarietà autosomico dominante (ovvero il figlio di una persona malata avrà il 50% di probabilità di manifestare la malattia a sua volta) e rappresenta il 7% di tutte le lesioni congenite cardiache. La malattia è più frequente nei maschi che nelle femmine ed è spesso associata alla sindrome di Turner (sindrome che deriva da un’anomalia dei cromosomi sessuali), la cui incidenza è del 25%.

 

Si tratta di una malformazione congenita in cui il diametro dell’arteria aorta presenta un restringimento localizzato; questa malattia è considerata anche un’arteriopatia, in quanto si verifica un ispessimento della parete arteriosa adiacente al restringimento. La coartazione aortica può presentarsi come lesione cardiaca unica, ma spesso è associata ad altre malformazioni cardiache, come la valvola aortica bicuspide (nel 50%-75% dei casi), ipoplasia dell’arco aortico (sviluppo anormale di un tratto dell’aorta), stenosi subaortica, anomalie nella valvola mitralica e difetti del setto interventricolare, la struttura fibrosa che separa il ventricolo destro dal ventricolo sinistro.

 

La lesione più comune associata alla coartazione aortica, ma che non è a carico del cuore, è l’aneurisma cerebrale, che si verifica nel 2,5%-10% dei pazienti. Generalmente la malattia insorge alla nascita o in età pediatrica ma, a seconda della localizzazione del restringimento e della presenza di altre malformazioni cardiache a essa associata, può anche manifestarsi in età adulta.

 

Illustrazione di un cuore con restringimento localizzato dell'aorta

 

 

La diagnosi della coartazione aortica 

In alcuni casi questa malattia può non indurre modificazioni nella circolazione periferica, per cui viene diagnosticata casualmente, nel momento in cui il medico non riesce a sentire i polsi arteriosi agli arti inferiori, oppure per l’insorgenza di ipertensione arteriosa. Gli esami diagnostici effettuati per accertare la coartazione aortica sono:

  • Radiografia toracica: nonostante non dia informazioni dettagliate, spesso il sospetto di coartazione aortica si ha proprio in seguito a una radiografia del torace;
  • Ecocardiografia transtoracica: esame che, attraverso l’utilizzo di ultrasuoni, fornisce un’immagine dettagliata dei tessuti. L'ecocardiografia transtoracica è l’esame di imaging d’elezione in caso di sospetta coartazione aortica, data la sua bassa invasività, la sua sicurezza e la capacità di fornire informazioni anche sul flusso di sangue;
  • Tomografia computerizzata: questo esame di imaging diagnostico fornisce dati ad alta risoluzione sia delle cavità del cuore che delle strutture extracardiache, e consente la ricostruzione tridimensionale dell’anatomia dei vasi sanguigni; tuttavia, la tomografia computerizzata non permette la valutazione del flusso sanguigno;
  • Risonanza magnetica cardiaca: esame che si esegue in un macchinario capace di generare un campo magnetico e che fornisce informazioni sulle strutture del cuore e dei vasi. La risonanza magnetica cardiaca è l’esame di imaging preferito in caso di follow-up della coartazione aortica. Questa tecnica consente una rappresentazione della morfologia dell’aorta e il grado di stenosi, oltre all’eventuale formazione di circolazione collaterale;
  • Coronarografia diagnostica: un esame radiologico con mezzo di contrasto volto a individuare e quantificare il restringimento delle arterie. Questa pratica diagnostica è lo standard per individuare le differenze di pressione che si creano nelle zone adiacenti il restringimento, oltre a circolazioni collaterali.

 

 

 

 

I sintomi e le complicanze della coartazione aortica 

I sintomi della coartazione aortica dipendono dall’entità della lesione cardiaca e dalla presenza di altre malformazioni cardiache. Nel caso la malattia insorga alla nascita, il flusso sanguigno non riesce a soddisfare la richiesta di nutrienti e ossigeno da parte dei tessuti: il neonato presenterà oligo-anuria (quantità di urina escreta minore di 100 ml al giorno), facile affaticabilità, insufficienza cardiaca e segni di acidosi metabolica. La maggior parte dei pazienti adulti affetti da coartazione aortica, invece, è asintomatica, ma possono presentarsi i sintomi di ipertensione grave che porta a mal di testa, epistassi, insufficienza cardiaca e dissezione aortica. La formazione di vasi collaterali intorno alla coartazione può attenuare la gravità di alcuni di questi sintomi.

 

La coartazione aortica nelle persone adulte può portare, con il passare del tempo, all’insorgenza di complicanze, tra cui:

  • ri-coartazione in seguito a intervento chirurgico;
  • formazione di aneurismi aortici;
  • ipertensione sistemica;
  • sviluppo di aterosclerosi: malattia vascolare cronica e progressiva che rappresenta la causa più frequente di mortalità in età adulta.

 

 

Trattamento della coartazione aortica 

La coartazione aortica viene trattata principalmente con intervento chirurgico:

  • nei neonati e negli infanti, il restringimento viene rimosso effettuando una resezione chirurgica del tratto dell’aorta interessato;
  • negli adulti può essere preso in considerazione l’impianto di un bypass aortico, anche se ormai il trattamento di elezione è l’impianto di uno stent aortico, procedura meno invasiva.

 

In conclusione le persone affette da coartazione aortica, pur riuscendo a condurre uno stile di vita normale, devono essere monitorate, sia per il rischio di coartazione, che per l’insorgenza di complicanze come ipertensione arteriosa e aterosclerosi.

 

 

Fonti: 
In sintesi

La coartazione aortica consiste in un restringimento dell’arteria aorta, ed è spesso associata ad altre malattie cardiache congenite.

Ricerche degli utenti

  • Difetto interatriale

    Il difetto interatriale è una malattia congenita in cui si verifica una comunicazione anomala tra atrio destro e atrio sinistro del cuore.

  • Difetto interventricolare

    Il difetto interventricolare è una malattia congenita in cui si verifica una comunicazione anomala tra ventricolo destro e ventricolo sinistro del cuore.

  • Embolia polmonare

    L’embolia polmonare è l’ostruzione di un’arteria della circolazione polmonare, una delle cause di malattia cardiovascolare acuta.

  • Malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE o GERD)

    La malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE o GERD) è un’infiammazione dell’esofago causata dai succhi gastrici che risalgono nel canale alimentare.

  • Anoscopia

    L’anoscopia è un esame diagnostico utile all’osservazione endoscopica delle porzioni interne dello sfintere anale e del retto distale.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!