Infarto

Illustrazione 3d del sistema cardiocircolatorio per descrivere l'infarto

 

L’infarto è una condizione clinica grave in cui si ha una lesione e successiva morte dei tessuti di un organo. Questa condizione si verifica quando, a causa di vari fattori, il sangue cessa di irrorare l’organo, e i tessuti non ricevono più ossigeno e nutrienti. L’infarto può colpire diversi organi del corpo umano, gli eventi più comuni sono quelli a carico del cuore, l'infarto miocardico acuto e a carico del tessuto cerebrale, l’ictus.

 

 

Descrizione dell’infarto

L’infarto, quindi, è un evento acuto che si manifesta in seguito alla cessazione del flusso di sangue in un organo. Dal momento che i tessuti non possono ricevere più ossigeno, vanno incontro a morte, detta necrosi, che causa alterazioni tali per cui la porzione di organo interessata dall’infarto non potrà più svolgere alcuna funzione vitale.

 

Nella maggior parte dei casi, l’infarto è dovuto alla rottura di una placca aterosclerotica o al deterioramento delle pareti delle arterie che irrorano l’organo coinvolto. La malattia aterosclerotica, infatti, è una patologia in cui si verifica un progressivo irrigidimento delle pareti delle arterie a causa della formazione di placche costituite da grassi, come il colesterolo, che, in seguito a processi di infiammazione, diventano sempre più grandi, fino a restringere il diametro dell’arteria e a compromettere l’afflusso di sangue. A volte le placche sono instabili e si possono distaccare completamente o in parte dalla parete arteriosa, finendo in circolo e dando luogo a coaguli di sangue detti trombi. I trombi possono occludere le arterie, impedendo di fatto al sangue di raggiungere i tessuti, il risultato è, oltre alla necrosi del tessuto, una sofferenza dell’organo interessato. L’infarto può avere anche altre cause, più rare, come la presenza di masse tumorali che restringono le arterie, aritmie, ipotensione. L’infarto può coinvolgere ciascun organo del nostro corpo, anche se, in base alla loro anatomia e alla loro funzione, ci saranno organi più colpiti.

 

Gli infarti più frequenti sono:

  • infarto miocardico acuto, si verifica per la necrosi dei tessuti muscolari cardiaci;
  • infarto cerebrale o ictus, si verifica per danno a livello dei tessuti cerebrali;
  • infarto intestinale, condizione più rara ma più grave, che comporta la necrosi di un tratto dell’intestino;
  • infarto polmonare, la complicanza più grave dell’embolia polmonare, in cui si ha un’insufficienza acuta di sangue in una porzione di polmone.

Gli eventi infartuali più comuni sono quelli che coinvolgono il cuore e il cervello. Da un report Istat del 2017, infatti, la prima e la seconda causa di mortalità in Italia, nel periodo 2003-2014, sono state proprio le malattie cardiovascolari e cerebrovascolari, con gli eventi infartuali ad esse associate. 

 

 

 

 

La diagnosi dell’infarto

La diagnosi di infarto varierà a seconda del tipo di organo colpito. Generalmente la diagnosi dell’infarto miocardico acuto e dell’ictus, proprio perché più frequenti, è più semplice.

  • nel caso dell’infarto miocardico acuto, questo viene accertato, in ospedale, con un elettrocardiogramma, esame che misura l’andamento dell’impulso elettrico che regola la contrazione cardiaca e altri esami come le analisi del sangue, l’ecocardiogramma e la coronarografia diagnostica.
  • l’ictus invece sarà accertato con visita neurologica specialistica e tecniche di imaging come tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica nucleare (RMN) per visualizzare le aree del cervello coinvolte.
  • la diagnosi dell’infarto intestinale è difficoltosa ma cruciale, perché eventuali ritardi possono anche portare alla morte del paziente. L’infarto intestinale può essere rilevato attraverso una TAC.
  • anche l’infarto polmonare può essere accertato con tecniche di imaging, come una radiografia o una TC.

 

Primo piano di un uomo adulto che tiene le mani al petto per un forte dolore causato sall'infarto

 

 

I sintomi e le complicanze dell’infarto

Il sintomo più comune nei diversi tipi di infarto è il dolore che può manifestarsi localizzato nel petto, nel caso dell’infarto miocardico o di quello polmonare, nell’intestino, nel caso dell’infarto intestinale. Nel caso dell’ictus, invece il sintomo più comune è la paralisi, generalmente a un lato del viso o degli arti.

 

È importante, nel caso si abbia il sospetto di un infarto, chiamare un pronto intervento, nel caso di infarto miocardico, infatti, si può verificare scompenso cardiaco (ovvero la condizione in cui il cuore non riesce a pompare sangue), fino alla morte per arresto cardiocircolatorio. Tutti i tipi di infarto possono condurre a complicanze gravi, compresa la morte del paziente.

 

 

Trattamento dell’infarto

L’obiettivo primario nel trattamento dell’infarto è ristabilire il flusso di sangue al cuore, in modo da preservare quanto più possibile il tessuto coinvolto. I trattamenti dipenderanno dalla sede infartuata, generalmente si tratta di modalità chirurgiche che hanno lo scopo di ripristinare il calibro dell’arteria occlusa, come l’angioplastica coronarica in caso di infarto del miocardio.

 

Per saperne di più su sintomi, diagnosi e trattamenti degli infarti più comuni, consulta le schede relative a infarto miocardico acuto, ictus ed embolia polmonare.

 

 

Fonti:
In sintesi

L’infarto consiste nella lesione e morte di una parte del tessuto di un organo in seguito a mancato afflusso di sangue.

Ricerche degli utenti

  • Capillaroscopia

    La capillaroscopia è una tecnica diagnostica non invasiva che permette di visualizzare i vasi del microcircolo sanguigno nella piega ungueale.

  • Diversione biliopancreatica (BPD)

    La diversione biliopancreatica è una tecnica chirurgica che cambia il normale processo digestivo al fine di ottenere una riduzione del peso corporeo nei casi di obesità grave.

  • Elettroencefalografia (EEG)

    L’elettroencefalografia è una tecnica che consente di valutare l’attività cerebrale, mettendo in evidenza condizioni patologiche come l’epilessia.

  • Elettroencefalografia (EEG)

    L’elettroencefalografia è una tecnica che consente di valutare l’attività cerebrale, mettendo in evidenza condizioni patologiche come l’epilessia.

  • Esame delle IgE totali

    L'esame delle IgE totali misura la quantità di immunoglobuline E nel flusso ematico ed è eseguito per valutare la presenza di una reazione allergica.

  • Emocromo (CBC o Esame emocromocitometrico)

    L’emocromo (CBC) è un esame del sangue, eseguito in laboratorio, che fornisce informazioni su vari parametri delle cellule del sangue.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!