Influenza

Illustrazione 3d del corpo umano per descrivere l'influenza 

 

L’influenza è una malattia provocata dall’infezione di virus appartenenti a diverse famiglie. È molto contagiosa e si trasmette prevalentemente per via aerea.

 

L’influenza rappresenta un problema di sanità pubblica non indifferente anche a causa di costi diretti e indiretti dovuti alla gestione delle complicazanze e per la pianificazione e realizzazione di misure di controllo.

 

In Italia, e in gran parte del mondo, l’influenza ha un andamento marcatamente stagionale e si ripresenta ogni anno durante il periodo invernale.  Secondo le statistiche della sorveglianza avviata nel 1999, l’influenza colpisce mediamente otto italiani su cento ogni anno, con una variabilità tra il 4% e il 12%. Data la sua diffusione, comorbilità e mortalità raggiungono numeri complessivamente elevati: secondo il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie (ECDC) sono circa 40mila i decessi annuali causati dall’influenza, in gran parte in persone anziane e fragili, specie se debilitati da malattie croniche.

 

 

Quali sono i sintomi dell’influenza?

All'inizio, l'influenza può presentarsi con rinorrea (“naso che cola”), starnuti e mal di gola ed essere confusa con un comune raffreddore. Ma a differenza di questo, i sintomi dell’influenza tendono a manifestarsi improvvisamente e assumere caratteristiche di maggiore gravità.

 

I sintomi tipici sono: febbre, indolenzimento muscolare, brividi e sudorazione, mal di testa, tosse secca e persistente, difficoltà respiratorie, astenia, naso che cola o chiuso, gola infiammata e, specie nei bambini, vomito e diarrea.

 

Solitamente, l’influenza non ha un decorso grave, soprattutto nelle persone giovani e in buona salute, e scompare nel giro di una o due settimane senza effetti duraturi.

 

Tuttavia, i bambini e i soggetti a  rischio possono sviluppare complicazioni che possono includere: bronchite, broncopolmonite, riacutizzazioni di un’asma preesistente, problemi cardiaci, infezioni all’orecchio, sindrome da distress respiratorio acuto.

 

 

 

 

Quali sono le cause e i fattori di rischio dell’influenza?

I virus che causano l’influenza si trasmettono attraverso goccioline di muco e di saliva, emesse con la respirazione, con tosse e starnuti, oltre che attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie. Le persone con il virus sono contagiose da uno o due giorni prima della comparsa dei sintomi fino a una settimana dopo; i bambini e le persone con un sistema immunitario debole, invece,  possono essere contagiosi per un tempo leggermente più lungo.

 

I virus dell'influenza che infettano l'uomo possono essere classificati in tre gruppi principali: A, B e C.

L’influenza di tipo C è poco comune nell’uomo, mentre i virus influenzali dei gruppi A e B, responsabili di quasi tutte le infezioni, sono caratterizzati da mutazioni genetiche frequenti che impongono un continuo adattamento dei vaccini antinfluenzali.

 

La continua evoluzione dei virus non permette all’organismo di raggiungere un’immunità. Chi viene colpito dall’influenza sviluppa anticorpi per combattere quel ceppo specifico del virus. Se viene successivamente a contatto con ceppi virali simili, gli anticorpi possono prevenire l'infezione o ridurne la gravità, mentre potrebbero non offrire alcuna protezione da virus molto diversi. Inoltre, i livelli di anticorpi tendono a diminuire nel tempo.

 

 

Donna sdraiata su un divano sta male e si soffia il naso a causa dell'influenza

 

 

Come si può prevenire l’influenza?

In Italia, ogni anno il ministero della Salute emette una circolare contenente indicazioni per la prevenzione e il controllo dell’influenza stagionale: sorveglianza epidemiologica e virologica, misure di igiene e protezione individuali e, di particolare rilevanza, la vaccinazione, indicando le categorie di persone per le quali è raccomandata e offerta gratuitamente.

 

Il vaccino contro l'influenza stagionale fornisce protezione dai tre o quattro virus influenzali che si ritiene siano i più comuni durante la stagione influenzale di quell'anno. Generalmente il vaccino viene somministrato con una iniezione intramuscolare, ma la ricerca ha già reso disponibili vaccini sotto forma di spray nasale.

 

 

Come si effettua la diagnosi di influenza?

Durante i periodi in cui l'influenza è diffusa, segni, sintomi ed esame fisico del paziente possono essere sufficienti per la diagnosi. In alcuni casi, si possono ordinare dei test di laboratorio. Il test della reazione a catena della polimerasi (PCR) sta diventando sempre più comune ed è generalmente in grado di identificare il ceppo influenzale.

 

 

 

Qual è il trattamento adatto in caso di influenza?

Nella maggior parte dei casi, il riposo e l’assunzione di molti liquidi sono sufficienti per curare l'influenza. Ma se l’infezione è grave e il paziente è a maggior rischio di complicanze, può essere prescritto un farmaco antivirale, come: oseltamivir, zanamivir, peramivir o baloxavir. Questi farmaci possono ridurre leggermente la durata della malattia e aiutare a prevenire complicazioni gravi.

 

Gli antibiotici non hanno effetto sull'infezione, ma in alcuni casi possono essere prescritti per prevenire infezioni secondarie, come la polmonite batterica.

 

 

Fonti:

 

In sintesi

L'influenza è una malattia infettiva ed epidemica, di origine virale e a carattere stagionale; colpisce le vie respiratorie superiori ed inferiori.

Ricerche degli utenti

  • Vescica iperattiva

    La sindrome da vescica iperattiva è una condizione che comporta l’urgenza urinare tanto frequentemente da influire sulla qualità di vita.

  • Vescica iperattiva

    La sindrome da vescica iperattiva è una condizione che comporta l’urgenza urinare tanto frequentemente da influire sulla qualità di vita.

  • Cistocele (Prolasso della vescica)

    Il cistocele è un prolasso della vescica determinato da indebolimento dei tessuti di supporto per cui la vescica protrude all’interno della parete della vagina.

  • Esofago di Barrett (Metaplasia di Barrett)

    L’esofago di Barrett, o Metaplasia di Barrett, è una condizione che insorge a causa del reflusso gastroesofageo e predispone al tumore dell’esofago.

  • Extrasistole ventricolare

    L’extrasistole ventricolare è una condizione fisiologica e innocua in cui il ritmo cardiaco risulta alterato.

  • Aneurisma

    L’aneurisma consiste nella dilatazione anomala della parete di un vaso sanguigno, generalmente un’arteria.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!