Leucemia

Illustrazione 3d del corpo umano per descrivere la leucemia

 

La leucemia è un tumore che deriva dalla proliferazione abnorme di una cellula staminale emopoietica andata incontro a trasformazione maligna. Ne esistono diverse forme che hanno caratteristiche peculiari e colpiscono in momenti diversi della vita. Viene trattata con farmaci o con terapie cellulari.

 

 

Cos’è la leucemia

La leucemia è un tumore delle cellule del sangue. Deriva dalla proliferazione incontrollata delle cellule staminali che danno origine a globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Queste cellule staminali, dette cellule staminali emopoietiche (CSE), si trovano nel midollo osseo.

 

Il midollo osseo è un tessuto dalla consistenza simile alla gelatina, contenuto all’interno delle ossa (non va confuso con il midollo spinale, che si trova all’interno del canale vertebrale e fa parte del sistema nervoso). L’esterno di un osso è compatto, fatto da lamelle aderenti l’una all’altra, al contrario l’interno ha una struttura ad alveare, le lamelle si intersecano in una fitta rete creando tantissime cavità che possono accogliere il midollo.

 

Nel bambino il midollo osseo si trova soprattutto nelle ossa lunghe, come il femore, mentre nell’adulto è più abbondante nelle ossa piatte, come le ossa del bacino. Mutazioni nel DNA di una cellula staminale emopoietica la trasformano in una cellula tumorale (cellule leucemica o blasto). La cellula leucemica si moltiplica in modo incontrollato nel midollo osseo interferendo con la proliferazione delle cellule sane. Una frazione di queste cellule può raggiungere il sangue (cellule leucemiche circolanti).

 

Più che di leucemia è corretto parlare di leucemie, infatti ne esistono diversi tipi. In base alla velocità di crescita si distinguono leucemie acute, in cui le cellule leucemiche proliferano attivamente, e leucemie croniche, in cui la proliferazione è lenta. In base al tipo di cellula staminale emopoietica che va incontro a trasformazione si distinguono invece leucemie mieloidi e leucemie linfoidi: il midollo osseo contiene infatti sia progenitori linfoidi, da cui hanno origine i globuli bianchi detti linfociti, sia progenitori mieloidi, da cui hanno origine i globuli rossi, le piastrine e altri tipi di globuli bianchi.

 

 

Principali tipologie e origini della leucemia

I principali tipi di leucemia sono:

  • leucemia linfoblastica acuta (LLA);
  • leucemia linfocitica cronica (LLC);
  • leucemia mieloide acuta (LMA);
  • leucemia mieloide cronica (LMC).

 

Le leucemie sono più frequenti nei bambini che negli adulti, in particolare le leucemie acute rappresentano più di un quarto di tutti i tumori infantili. Tra le forme acute, nei bambini predomina nettamente la leucemia linfoblastica acuta, mentre negli adulti la forma mieloide è più comune di quella linfoide. Le leucemie croniche sono assai rare nei bambini e colpiscono soprattutto in età avanzata.

 

Non si sa cosa provochi la leucemia.

Si è visto che le leucemie sono più frequenti nei bambini affetti da alcune malattie genetiche, come la sindrome di Down. Nell’adulto le mutazioni del DNA che causano la trasformazione maligna sono acquisite casualmente nel corso della vita; per esempio, nella leucemia mieloide cronica l’evento cruciale è una modificazione dei cromosomi che genera un cromosoma anomalo (cromosoma Philadelphia). Il rischio di sviluppare una leucemia è aumentato dall’esposizione a radiazioni ionizzanti e a sostanze tossiche (es. benzene e formaldeide).

 

 

 

 

 

Come si presenta la leucemia

Le leucemie acute possono dare sintomi già in fase precoce, mentre le leucemie croniche rimangono a lungo silenti. I sintomi della leucemia includono febbre, sudorazioni notturne, stanchezza e affaticamento, dolori ossei e articolari e perdita di peso. L’insufficienza midollare può causare una riduzione nel numero dei globuli rossi, e quindi anemia, dei globuli bianchi, e quindi suscettibilità alle infezioni, delle piastrine, con conseguente facilità al sanguinamento. Milza e linfonodi possono ingrossarsi. L’infiltrazione delle cellule leucemiche in organi come l’intestino o i reni può alterarne la funzionalità causando sintomi specifici.

 

 

Come si diagnostica la leucemia

La visita medica può rivelare segni della malattia, come un ingrossamento dei linfonodi o della milza, pallore o emorragie frequenti. Informazioni preziose arrivano dall'emocromo, in quanto il numero di globuli bianchi, globuli rossi e piastrine risulta alterato rispetto ai valori standard. Lo striscio di sangue periferico, un esame in cui si distribuisce su un vetrino una goccia di sangue e la si osserva al microscopio, può mettere in evidenza la presenza dei blasti. La biopsia del midollo osseo permette di studiare le proteine espresse dalle cellule leucemiche e identificare il tipo di cellula da cui ha avuto origine la neoplasia, i test genetici effettuati sui campioni di sangue e di midollo consentono poi di caratterizzare le mutazioni del DNA. Vengono utilizzate tecniche di imaging (radiografia - RX, ecografia, tomografia computerizzata - TC) per studiare l’estensione della malattia. La rachicentesi, ossia l’analisi del liquor (il liquido che riempie gli spazi attorno al cervello e al midollo spinale) serve a capire se le cellule leucemiche hanno raggiunto il sistema nervoso.

 

 

Illustrazione di una figura umana affetta da leucemia con riferimento ai principali sintomi percepiti a livello cronico, linfonodale, epatico, muscolare, dermatologico, polmonare, osseo e articolare

 

 

Come si cura la leucemia

La scelta del trattamento dipende dal tipo di leucemia e dall’età del paziente. Spesso si usa più di un trattamento, in combinazione o in sequenza.

Le opzioni terapeutiche includono:

  • chemioterapia;
  • terapie a bersaglio molecolare, in cui si usa un farmaco che blocca la molecola che promuove la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule leucemiche (es. imatinib nella leucemia mieloide cronica);
  • anticorpi monoclonali, farmaci biologici che legano le cellule leucemiche favorendone la distruzione da parte del sistema immunitario;
  • terapia con cellule CAR-T, una terapia personalizzata in cui i linfociti del paziente vengono ingegnerizzati in laboratorio per riconoscere e uccidere le cellule tumorali una volta infusi nel paziente;
  • trapianto di cellule staminali.

 

 

Fonti

  • Juliusson G, Hough R. Leukemia. Prog Tumor Res. 2016;43:87-100. doi:10.1159/000447076
  • Rosey-Inman H. Kuehl D. Acute leukemia. Emerg Med Clin North Am. 2014;32(3):579-596. doi:10.1016/j.emc.2014.04.004
  • Greenberg EM, Probst A. Chronic leukemia. Crit Care Nurs Clin North Am. 2013;25(4):459-470. doi:10.1016/j.ccell.2013.09.00
  • Associazione Italiana contro Leucemie Linfomi e Mieloma (AIL)
In sintesi

La leucemia è un tumore determinato dalla trasformazione maligna delle cellule staminali da cui derivano le cellule del sangue.

Ricerche degli utenti

  • Esame vestibolare

    L’esame vestibolare è un accertamento diagnostico che valuta la funzionalità dell’organo dell’equilibrio collocato nell’orecchio interno.

  • Tri Test (Triplo test)

    Il tri-test, o triplo test, è un esame di screening prenatale che serve a identificare il rischio nel feto di un’anomalia cromosomica.

  • PRIST Test (Test di radio-immuno-assorbimento su carta)

    Il PRIST test, o Paper RadioImunoSorbent Test, eseguito su un campione di sangue, serve a valutare la probabilità che un paziente possa soffrire di allergia.

  • Screening neonatale

    Lo screening neonatale è uno strumento di prevenzione secondaria utilizzato per la diagnosi precoce di patologie congenite.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!