Endoscopia

Illustrazione 3d del corpo umano per descrivere l'endoscopia

 

L'endoscopia è una tecnica utilizzata in medicina per scopi diagnostici e terapeutici che si avvale di strumenti adatti ad essere inseriti all'interno del corpo umano. Gli ambiti della medicina nei quali questa metodica viene impiegata sono numerosi. Tra gli altri, ad esempio, si possono ricordare l’otorinolaringoiatria, la gastroenterologia, la ginecologia, l’urologia, e la pneumologia.

 

Lo strumento utilizzato viene chiamato endoscopio. Tuttavia, a seconda dell’apparato da valutare, questo strumento prende un nome più specifico che indica la struttura oggetto dell’esplorazione diagnostica o del trattamento terapeutico. Per questo motivo viene denominato laringoscopio, quando è utilizzato per la laringe, broncoscopio per i bronchi, gastroscopio per lo stomaco, colonscopio per l’intestino crasso, etc.

 

Ne consegue anche che l’esame endoscopico venga eseguito da vari medici specialisti, tra i quali il gastroenterologo, l’otorinolaringoiatra, il ginecologo, e lo pneumologo. Il campo di applicazione dell’endoscopia in medicina è infatti molto vasto.

 

 

Indice degli argomenti

 

 

Com’è fatto un endoscopio e a cosa serve?

Lo strumento con cui viene effettuata l'endoscopia prende il nome di endoscopio ed è generalmente costituito da un tubo flessibile di piccolo calibro dotato di una telecamera ad alta risoluzione collegata con un monitor, e di una sorgente luminosa che permette l’osservazione diretta della struttura anatomica da valutare.

L’endoscopio rende anche possibile l’introduzione di strumenti chirurgici per trattare determinate patologie, a volte in modo risolutivo, o per prelevare frammenti di materiale biologico (ad esempio di una massa tumorale) per successive indagini istologiche.

 

L’endoscopio può essere inserito in una cavità naturale (ad esempio la bocca o il naso), senza che il suo impiego renda necessaria una via di accesso chirurgica. In altre situazioni invece, come ad esempio per l'esplorazione della cavità addominale (laparoscopia), è invece inevitabile ricorrere all'incisione dei tessuti.

 

 

 

 

Quali sono le indicazioni per l’endoscopia?

Le indicazioni all'impiego dell'endoscopia sono molteplici, in quanto essa rappresenta un presidio medico chirurgico essenziale per la valutazione dello stato di salute di molti apparati, come ad esempio quello gastroenterico. La sua utilità come mezzo di screening del cancro dello stomaco e del colon è ormai indiscussa, così come la sua validità per valutare la stadiazione delle neoplasie maligne.

 

Gli esami endoscopici sono anche di notevole ausilio nel suffragare le diagnosi ottenute con metodiche per immagini, come ad esempio l'ecografia, perché sono in grado di dare informazioni più precise riguardo le dimensioni, la forma e la localizzazione di alterazioni patologiche già messe in evidenza.

 

L'endoscopia è anche un valido mezzo per eseguire trattamenti risolutivi con tecniche chirurgiche laparoscopiche mininvasive, ormai ampiamente diffuse e per ottenere campioni di tessuto (biopsie) da analizzare al microscopio.

 

 

Come si esegue l’endoscopia?

Il medico operatore valuta direttamente la struttura da esplorare e/o da trattare osservando su uno schermo le immagini trasmesse dalla telecamera di cui è dotato l'apparecchio endoscopico. La preparazione del paziente prima dell’accertamento varia da caso a caso, così come il tipo di anestesia o di sedazione necessario.

In molti casi l’esame non richiede il ricovero ospedaliero e neppure particolari accorgimenti da mettere in atto una volta terminata l’endoscopia, come ad esempio nel caso della gastroscopia o della colonscopia di screening.

 

In altre situazioni, invece, è necessaria l’ospedalizzazione, che comunque in genere ha tempi di degenza piuttosto brevi, come può accadere per esempio in caso di asportazione della cistifellea per via laparoscopica.

 

 

Foto di dottore in camice blu mentre svolge un esame endoscopico (endoscopia) inserendo un endoscopio nel del tratto digerente di un paziente disteso su un lettino di un ospedale. In secondo piano uno schermo che mostra le immagini dell'endoscopia

 

 

Quali sono i rischi e le complicanze dell'endoscopia?

L'endoscopia presenta alcune controindicazioni da considerarsi assolute. Non può infatti essere eseguita nei casi di:

 

Le complicanze legate all'esame endoscopico sono rare ma possibili. Tra queste si possono elencare:

  • sanguinamento (emorragie);
  • perforazioni d'organo;
  • infezioni.

 

 

Fonti

In sintesi

L’endoscopia è una procedura medica che, mediante uno strumento denominato endoscopio, consente l’esplorazione dell’interno del corpo, per fini diagnostici o terapeutici.

Strutture in evidenza

Tutte le strutture     Contattaci

Ricerche degli utenti

  • Laparoscopia ginecologica

    La laparoscopia ginecologica è un intervento chirurgico poco invasivo che consente l'esplorazione degli organi dell'apparato riproduttivo femminile.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Ecografia transvaginale

    L'ecografia transvaginale è un esame diagnostico utile per esaminare l'apparato riproduttivo femminile tramite una sonda a ultrasuoni collocata in sede intra-vaginale.

  • Monitoraggio follicolare

    Il monitoraggio follicolare è un esame ecografico che ha lo scopo di valutare la crescita dei follicoli ovarici in diversi momenti del ciclo ovulatorio.

  • Ecodoppler (Ecocolordoppler)

    L’ecodoppler e l'ecocolordoppler sono esami diagnostici non invasivi e rapidi che offrono informazioni sul flusso sanguigno.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!