Scleroterapia

Illustrazione 3d del sistema cardiocircolatorio per descrivere la scleroterapia

 

La scleroterapia è un trattamento medico che, attraverso l’uso di un farmaco irritante per i tessuti, provoca l’occlusione delle varici. Viene utilizzata sia per trattare le varici gastroesofagee sia le vene varicose delle gambe.

 

 

A cosa serve la scleroterapia?

La scleroterapia è una procedura medica usata per curare le varici, malformazioni delle vene che si dilatano e assumono un andamento tortuoso. Le varici che si formano nella parte superiore dell’apparato gastrointestinale, varici esofagee e varici gastriche, sono causate dall’aumento della pressione sanguigna nella vena porta, una situazione che si verifica spesso nei pazienti che soffrono di cirrosi epatica. Le varici gastroesofagee possono rompersi e causare emorragie gravi, potenzialmente fatali. Le varici che si formano sulle gambe e sui piedi (vene varicose) spesso rappresentano solo un problema estetico, tuttavia possono determinare l’insorgenza di insufficienza venosa cronica.

 

La scleroterapia o terapia sclerosante consiste nell’iniezione di sostanze, gli agenti sclerosanti, che chiudono la varice determinandone la riduzione di volume o la scomparsa.

 

 

 

 

A chi è utile la scleroterapia?

La scleroterapia endoscopica viene utilizzata in caso di sanguinamento delle varici esofagee o delle varici gastriche. Questo tipo di varici colpisce principalmente gli individui che soffrono di malattie del fegato, in particolar modo di cirrosi epatica.

 

Il trattamento sclerosante ha una percentuale di successo superiore al 90% nel controllo del sanguinamento attivo delle varici esofagee e si è dimostrato utile nel ridurre la frequenza e la gravità del risanguinamento. Nel caso delle varici gastriche è usata quando queste si trovano in continuità con le varici esofagee, mentre è meno indicata per varici gastriche isolate. Rispetto al passato, oggi questa tecnica è raramente utilizzata per prevenire la progressione delle varici o il risanguinamento, indicazioni per cui si usa invece la legatura endoscopica. La scleroterapia può però essere utile nei casi in cui la legatura elastica risulta tecnicamente difficoltosa.

 

Le vene varicose degli arti inferiori si presentano più spesso nel sesso femminile che in quello maschile. Sono più frequenti nelle persone sovrappeso, in quelle che per lavoro restano in piedi per molto tempo e nelle donne in gravidanza. A seconda delle vene interessate, della dimensione delle varici e del fatto che causino o meno complicanze, il medico può suggerire di intervenire con la terapia sclerosante piuttosto che con altre tecniche mini-invasive come la laserterapia vascolare o l’ablazione per radiofrequenza, oppure con un intervento chirurgico vero e proprio, quale la varicectomia, la flebotomia, la safenectomia per stripping. La scleroterapia può essere più indicata della laserterapia, per esempio, in quei casi il cui la varice è particolarmente tortuosa o è superficiale.

 

 

Come si esegue la scleroterapia?

Nel caso delle varici dell’apparato gastrointestinale è necessario intervenire per via endoscopica, mentre nel caso delle varici degli arti inferiori le varici da trattare possono essere visualizzate direttamente o con l’aiuto di un ecografo. Il farmaco sclerosante viene iniettato direttamente nella varice o in prossimità della varice. L’iniezione diretta del farmaco nella varice richiede meno forza, ma può causare più facilmente un sanguinamento temporaneo; le due tecniche appaiono ugualmente efficaci. Sono necessarie più sessioni per raggiungere il risultato. Trattamenti più frequenti inducono più velocemente la chiusura della varice, però possono più facilmente portare a ulcerazione del tessuto.

 

Sono disponibili diversi agenti sclerosanti, alcuni di origine sintetica, altri derivati da acidi grassi. I più usati nel trattamento delle varici gastroesofagee sono il polidocanolo, l’oleato di etanolamina, il sodio tetradecilsolfato e il sodio morruato. Non ci sono prove che un farmaco sclerosante sia migliore di un altro. Questi agenti sono irritanti per i tessuti, causano la chiusura della varice danneggiando le cellule che rivestono l’interno del vaso, inducendo la formazione di un coagulo di sangue e provocando la formazione di tessuto cicatriziale (fibrosi). Si utilizzano sia soluzioni che schiume ottenute mescolando la soluzione all’aria.

 

Indipendentemente dall’agente sclerosante utilizzato, i pazienti che si sottopongono a scleroterapia per il trattamento delle varici efofagee e gastriche possono andare incontro ad alcuni eventi avversi come dolore al torace, sanguinamento, ulcerazione, febbre o infezione.

 

 

Fonti:
In sintesi

La scleroterapia è usata per curare le varici, malformazioni dei vasi sanguigni, è utile per trattare il sanguinamento delle varici gastroesofagee.

Ricerche degli utenti

  • Bypass aorto-coronarico

    Il bypass aorto-coronarico è l’intervento cardiochirurgico più praticato, che ha come scopo la rivascolarizzazione del cuore.

  • Coronarografia diagnostica

    La coronarografia diagnostica è un esame radiologico con mezzo di contrasto volto a individuare e quantificare la malattia coronarica.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Angina pectoris

    L’angina pectoris è un quadro patologico che si manifesta con dolore al petto quando il cuore riceve uno scarso afflusso di sangue.

  • Bradiaritmia

    La Bradiaritmia è un disturbo della frequenza cardiaca caratterizzata da un ritmo cardiaco inferiore a 50 battiti per minuto.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!