Vaccinazione HPV (Human Papilloma virus)

Illustrazione 3d dell'organo genitale femminile per descrivere la vaccinazione HPV

 

La vaccinazione contro il Papilloma Virus umano (HPV) è l’unico strumento in grado di prevenire l’infezione da HPV. La consapevolezza che il papilloma virus umano sia associato a quasi la totalità (99,7%) di casi di cancro cervicale ha rivoluzionato la prevenzione del cancro cervicale portando allo sviluppo di vaccini HPV profilattici.

 

In Italia la vaccinazione è raccomandata ed è stata offerta gratuitamente, già dal 2008, a tutte le adolescenti a partire dal 12esimo anno di età. La vaccinazione contro l'HPV è efficace per la prevenzione della neoplasia intraepiteliale vulvare (VIN), neoplasia intraepiteliale vaginale (VaIN), neoplasia intraepiteliale anale (AIN) e i rispettivi tumori.

 

Ogni anno in tutto il mondo i casi di cancro cervicale sono 528 mila e 266 mila sono i decessi. In Italia, nel biennio 2017-2018 i registri AIOM-AIRTUM (Associazione Italiana di Oncologia Medica- Associazione Italiana Registri Tumori) indicano un’incidenza di 2400 nuovi casi/ogni anno di tumore cervicale. Inoltre, 5000 nuovi casi all’anno di tumore alla cervice uterina, ano, vagina, vulva, pene, cavità orale, faringe e laringe sono attribuiti a infezioni croniche di genotipi oncogeni (geni che potenzialmente possono determinare lo sviluppo di una neoplasia) di HPV.

 

Nella popolazione italiana, il genotipo HPV più comune nel cancro cervicale è l'HPV 16.  La prevalenza dell'HPV 16 nella popolazione italiana sana è intorno al 5% , mentre l'HPV 18 è presente in circa l'1% della popolazione. 

 

La conoscenza e lo studio dei diversi sierotipi di Papilloma Virus correlati al cancro cervicale è stata fondamentale per lo sviluppo di vaccini profilattici. Ad oggi, l'introduzione della vaccinazione HPV è presente in tutti i programmi pubblici nazionali.

 

 

 

 

Vaccinazione HPV: quali sono i vaccini profilattici HPV autorizzati 

I vaccini HPV attualmente autorizzati sono tre:

  • Gardasil®, il primo vaccino autorizzato in Europa contro HPV 6/11/16/18 (vaccino quadrivalente);
  • Gardasil 9 ®, che fornisce protezione contro cinque ulteriori tipi di HPV 31/33/45/52/58 (vaccino nonavalente);
  • Cervavix ®, efficace contro HPV 16 e 18 (vaccino bivalente)

 

Studi clinici hanno dimostrato l'efficacia di tutti e tre vaccini in giovani donne sane. Allo stesso modo, tutti i vaccini hanno mostrato un eccellente profilo di sicurezza.

 

 

Medico somministra con una siringa il vaccino anti HPV ad una donna adolescente

 

 

 Vaccinazione HPV: come funzionano i vaccini contro il papilloma virus? 

I vaccini autorizzati sono particelle simili a virus (VLP) mancanti di DNA virale (materiale genetico necessario affinché  il virus possa riprodursi): non sono quindi infettive. Le VLP che contengono la proteina del capside del papilloma virus  (HPV L1) evocano una risposta immunitaria e anticorpale  più forte contro L1  rispetto a un'infezione naturale da HPV.  I coadiuvanti contenuti nei vaccini  possono spiegare la  maggiore produzione di anticorpi che a loro volta promuovono la generazione di cellule B della memoria (cellule del nostro organismo necessarie per il riconoscimento futuro dello stesso antigene).

 

 

Vaccinazione HPV: schemi di vaccinazione raccomandati 

La vaccinazione HPV è raccomandata dai 9-14 anni. Tuttavia, la maggior parte dei programmi nazionali di vaccinazione sono rivolti agli adolescenti in età compresa tra 11 e 13 anni, con particolare attenzione rivolta alle ragazze- che rappresentano la popolazione target- prima di di diventare sessualmente attive. La vaccinazione in giovane età, infatti, è ottimale, perché i vaccini diventano meno efficaci dopo l'inizio del rapporto sessuale e in seguito ad esposizione all'HPV. Inoltre, la risposta immunogenica ai vaccini è migliore negli individui più giovani.

 

Lo schema posologico raccomandato dipende dall'età del paziente all'inizio del vaccino e dalla diversa tipologia di vaccinazione HPV.  Lo schema della vaccinazione HPV raccomandata in Italia è riportata di seguito in tabella

 

Vaccino  Età (femmine) Dosi Programma
Vaccino bivalente  9-14 2 dosi dose 1: 0 mesi
dose 2: 5-13 mesi
  Sopra i 14 anni 3 dosi dose 1: 0 mesi
dose 2: 1 mesi
dose 3: 6 mesi
Vaccino quadrivalente  9-13 2 dosi  dose 1: 0 mesi
dose 2: 6 mesi
  dai 14 anni in su  3 dosi  dose 1: 0 mesi
dose 2: 2 mesi
dose 3: 6 mesi
Vaccino nonavalente  9-14  2 dosi  dose 1: 0 mesi
dose 2: 5-13 mesi
  Sopra i 14 anni  3 dosi dose 1: 0 mesi
dose 2: 2 mesi
dose 3: 6 mesi

 

La Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico-Vaginale (SICPCV) è impegnata a sostenere programmi di vaccinazione per bambini e adolescenti con un programma di recupero per i giovani adulti. È bene ricordare che nonostante la vaccinazione HPV si sia dimostrata efficace nella prevenzione delle infezioni, i programmi di screening con specifici test, come il Pap test e il test HPV, devono comunque essere effettuati anche dopo profilassi vaccinale secondo gli intervalli raccomandati.

 

Per ulteriori informazioni, leggi la scheda del Test per HPV e del Pap test.

 

 

Fonti:
  • Ciavattini A, Giannella L, De Vincenzo R et al. HPV Vaccination: The Position Paper of the Italian Society of Colposcopy and Cervico-Vaginal Pathology (SICPCV). Vaccines 2020, 8, 354;
  • Athanasiou A, Bowden S, Paraskevaidi M, et al. HPV vaccination and cancer prevention. Best Pract Res Clin Obstet Gynaecol. 2020 May;65:109-124;
  • Ministero della salute.
In sintesi

La vaccinazione HPV è in grado di prevenire l’infezione da Papilloma Virus umano. In Italia è raccomandata a partire dai 12 anni.

Patologie

    Ricerche degli utenti

    • Epatite cronica

      L’epatite cronica è un’infiammazione del fegato che può avere origine da molte possibili cause, nel tempo può degenerare in cirrosi.

    • Linfoma di Hodgkin

      Il linfoma di Hodgkin è un tumore che si origina nel sistema linfatico ma può raggiungere vari organi. E’ più comune tra i 20 e i 30 anni.

    • Mieloma multiplo (MM)

      Il mieloma multiplo è un tumore che colpisce soprattutto gli anziani; ha origine dalle plasmacellule, i globuli bianchi che producono gli anticorpi.

    • Diabete (Diabete mellito)

      Il diabete, più correttamente chiamato diabete mellito, è una malattia cronica caratterizzata da un aumento della concentrazione plasmatica di glucosio.

    • Lupus eritematoso sistemico (LES o SLE)

      Il lupus eritematoso sistemico (detto anche lupus, LES o SLE) è una malattia infiammatoria, cronica, autoimmune che colpisce diversi distretti dell’organismo.

    Informati: la salute con Ihealthyou

    In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



    Entra nella community

    Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
    scopri come prenderti cura della tua salute!