Valvuloplastica

Illustrazione 3d di un cuore per descrivere la valvuloplastica

 

La valvuloplastica è una pratica chirurgica che serve a trattare le valvulopatie, ovvero quelle condizioni cliniche a carico delle valvole cardiache, in modo da ristabilire un adeguato flusso di sangue. In particolare, con la valvuloplastica, attraverso procedure chirurgiche mini-invasive, si modifica chirurgicamente la valvola interessata, senza ricorrere all’inserimento di una protesi valvolare.

 

 

A cosa serve la valvuloplastica

La valvuloplastica, al posto di ricorrere alla rimozione di una valvola cardiaca non funzionante e all’inserzione di protesi, è una procedura che modifica la valvola non funzionante. Si tratta di una pratica chirurgica mini-invasiva percutanea, cioè in cui l'accesso ai tessuti interni non avviene attraverso un’incisione con bisturi (un approccio “aperto”) ma attraverso la pelle, con l’inserzione di un tubicino flessibile endovena. In particolare, la valvuloplastica viene eseguita in caso di stenosi valvolare, attraverso l’inserzione di un catetere che all’estremità possiede un palloncino in grado di gonfiarsi, in modo da rimuovere il restringimento dato dalla stenosi.

 

È fondamentale che le valvole funzionino correttamente affinché il cuore possa lavorare bene.

Il cuore è dotato di quattro camere cave: in alto vi sono gli atri, che accolgono il sangue che proviene dalle vene, e in basso vi sono i ventricoli, che pompano il sangue nella circolazione attraverso le arterie. Il sangue, quindi, entra negli atri dalle vene, si sposta ai ventricoli e dopo di che viene spinto nelle arterie.

 

Per un corretto funzionamento del cuore, è molto importante che il sangue segua sempre questa direzione: infatti, affinché non vi sia reflusso tra una camera del cuore e l’altra, oppure tra ventricoli e arterie, nel cuore sono presenti le valvole. Si tratta di quattro strutture costituite da tessuto fibroso che lasciano passare agevolmente il sangue e, una volta che questo è fluito, si chiudono impedendo il reflusso.

 

Le valvole dette atrioventricolari (valvola mitrale e tricuspide) separano gli atri dai ventricoli: queste valvole sono aperte durante la fase di riempimento dei ventricoli, chiudendosi una volta terminata la contrazione degli atri. Le valvole semilunari (aortica e polmonare) separano i ventricoli dalle arterie e si aprono durante la contrazione cardiaca, quando il sangue viene pompato nella circolazione sistemica e polmonare, per poi richiudersi subito dopo. Quando le valvole cardiache presentano dei problemi strutturali o funzionali che impediscono il corretto funzionamento cardiocircolatorio, si hanno le valvulopatie.

 

Queste malattie possono verificarsi in due modi diversi: può essere presente un restringimento (stenosi) di una valvola, che causa uno scarso afflusso di sangue, oppure la valvola può non chiudere più bene, e causare un reflusso di sangue nella direzione opposta a quella normale: in questo caso si parla di insufficienza valvolare.

 

 

 

 

Come si esegue la valvuloplastica

La valvuloplastica viene eseguita in anestesia locale: solitamente il paziente viene ricoverato il giorno prima della procedura per arrivare al giorno dell’intervento in condizioni di digiuno. Dopo la sedazione, il chirurgo inserisce un catetere intravascolare a livello dell’arteria femorale che  viene fatto risalire fino al cuore. Per aiutare il medico a individuare il punto preciso della stenosi, di solito la valvuloplastica è preceduta da un esame di cateterismo diagnostico, necessario per una valutazione completa delle condizioni del cuore e dei vasi del paziente: il chirurgo inietta un liquido di contrasto in grado di evidenziare il sito del catetere e della valvola. Quando ci si avvicina alla posizione interessata dal restringimento, il palloncino all'estremità del catetere viene gonfiato, forzando l'apertura dei lembi della valvola ostruita, ristabilendo così un flusso di sangue adeguato. Successivamente, il medico sgonfia il palloncino e rimuove il catetere.

 

 

A cosa serve la valvuloplastica

In particolare, la valvuloplastica è usata per trattare:

  • stenosi della valvola mitrale;
  • stenosi della valvola tricuspide;
  • stenosi della valvola polmonare.

 

Nel caso della stenosi della valvola aortica, la valvuloplastica è eseguita sono nel caso l’impianto di una protesi valvolare sia sconsigliato.

 

 

Equipe medica di chirurghi cardiologi all'interno di una sala operatoria tappezzata di blu nel corso di un intervento di valvuloplastica

 

 

Rischi e complicanze della valvuloplastica

La valvuloplastica è un intervento poco invasivo, associato a bassa mortalità, riduzione delle complicanze dovute a valvulopatie, ridotta necessità di terapia anticoagulante orale, migliore sopravvivenza a lungo termine e riduzione dei costi.

 

Tuttavia, anche questo intervento può dar luogo a delle complicanze. Le più comuni sono:

  • sanguinamenti o infiammazioni nella sede di inserzione del catetere;
  • infezioni nella sede di inserzione del catetere;
  • danno ai vasi sanguigni;
  • reazioni avverse al liquido di contrasto;
  • insorgenza di aritmie cardiache;
  • ictus;
  • rottura della valvola;
  • danneggiamento dei ventricoli.

 

 

La valvuloplastica, quindi, è la procedura chirurgica usata per curare le anomalie delle valvole cardiache. Per saperne di più, consultate la pagina sulle valvulopatie.

 

 

Fonti:
  • Istituto Superiore di Sanità - Valvulopatie
  • Mayo Clinic - Valvuloplasty
  • Peltz, M. (2013). Surgery for Valvular Heart Disease. Cardiovascular Therapeutics: A Companion to Braunwald’s Heart Disease, 691–713. doi:10.1016/b978-1-4557-0101-8.00046-1 
  • Nishimura RA, Otto CM, Bonow RO, Carabello BA, Erwin JP 3rd, Fleisher LA, Jneid H, Mack MJ, McLeod CJ, O'Gara PT, Rigolin VH, Sundt TM 3rd, Thompson A. 2017 AHA/ACC Focused Update of the 2014 AHA/ACC Guideline for the Management of Patients With Valvular Heart Disease: A Report of the American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on Clinical Practice Guidelines. 2017 Jun 20;135(25):e1159-e1195. doi: 10.1161/CIR.0000000000000503. Epub 2017 Mar 15. PMID: 28298458.
  • Bykowski A, Perez OA, Kanmanthareddy A. Balloon Valvuloplasty. [Updated 2020 Dec 17]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK519532/
  • Safian RD, Kuntz RE, Berman AD. Aortic valvuloplasty. Cardiol Clin. 1991 May;9(2):289-99. PMID: 2054818.
  • Cosgrove DM, Stewart WJ. Mitral valvuloplasty. Curr Probl Cardiol. 1989 Jul;14(7):359-415. doi: 10.1016/s0146-2806(89)80002-7. Erratum in: Curr Probl Cardiol 1989 Oct;14(10):551. PMID: 2667897.

Ricerche degli utenti

  • Diabete mellito tipo 2

    Il diabete mellito di tipo 2 è una patologia cronica sempre più diffusa a cui contribuiscono numerosi fattori, tra cui l’obesità.

  • Ecocardiografia fetale

    L’ecocardiografia fetale è un esame effettuato in gravidanza che offre informazioni sulla struttura e sul funzionamento del cuore del bambino.

  • Ecografia (Ecotomografia, Sonografia o Ultrasuonografia)

    L’ecografia, detta anche ecotomografia, sonografia o ultrasuonografia,  è una tecnica ad ultrasuoni che permette di visualizzare le strutture interne del corpo, è usata a scopo diagnostico o per guidare procedure terapeutiche.

  • Uroflussometria

    L'uroflussometria è un test diagnostico che permette la misurazione e la registrazione del flusso dell'urina.

  • Ecodoppler (Ecografia doppler)

    L’ecodoppler è un esame diagnostico non invasivo e rapido che offre informazioni sul flusso sanguigno.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!