Cardiotocografia (Non-stress test)

Illustrazione 3d del grembo di una donna con feto per descrivere la Cardiotocografia

 

La cardiotocografia è un esame poco invasivo (viene definito anche non-stress test) che viene effettuato durante il periodo prenatale, e serve a monitorare il battito cardiaco del bambino e le contrazioni della madre. Infatti con questo esame si ha una registrazione continua della frequenza cardiaca fetale, ottenuta grazie a un trasduttore a ultrasuoni posizionato sull'addome materno. Insieme all’ecografia prenatale e allecodoppler, questa tecnica diagnostica ha sostituito gran parte degli esami di laboratorio in precedenza necessari a monitorare la gravidanza.

 

La frequenza cardiaca fetale è da tempo riconosciuta come un importante indicatore dello stato di salute del bambino. La frequenza cardiaca è indicata come il numero di battiti del cuore (cioè quando il cuore si contrae per spingere il sangue nella circolazione) che avvengono in un minuto: nel feto questo parametro è compreso tra i 110 e i 160 battiti al minuto, e diminuisce progressivamente con l’avvicinarsi del parto. Per come è strutturato il sistema di conduzione dell’impulso elettrico che fa contrarre il cuore i battiti saranno regolari: in caso contrario, vuol dire che c’è qualche alterazione nella trasmissione dell’impulso e si parla di aritmia. Un ritmo cardiaco anomalo è piuttosto comune durante lo sviluppo e viene comunemente rilevato mediante ecografia prenatale di routine, cardiotocografia o durante l'auscultazione del cuore fetale. In generale, l'aritmia può essere classificata in una delle tre categorie: 

 

Come tutti gli esami ecografici, come per esempio l’ecodoppler, questo esame diagnostico utilizza gli ultrasuoni, onde sonore ad alta frequenza che colpiscono prima le strutture cardiache del feto e poi rimbalzano, tornando al macchinario che le rileva e le rielabora. In base al risultato delle onde sonore che ritornano al macchinario, sarà possibile ottenere un segnale che rielabora la frequenza cardiaca del feto.

 

 

Come si esegue la cardiotocografia

La cardiotocografia viene eseguita in maniera simile a un’ecografia addominale: la paziente viene fatta sdraiare sul lettino e viene impiegato il cardiotocografo, macchinario costituito da una cintura, posizionata attorno all’addome che contiene due piastre e computer in grado di rilevare il segnale che arriva dalle piastre. Una di queste misura la frequenza cardiaca del bambino, mentre l'altra valuta la pressione esercitata sul fondo dell’utero, in modo da valutare anche la frequenza delle contrazioni e la loro intensità. A volte l’ecografista prima di posizionare le piastre spalma un gel che dà una sensazione di freddo sulla porzione di pelle interessata, che serve a ottenere un segnale migliore. L’esame dura da 30 minuti a un’ora, non è invasivo ed è indolore, e non richiede particolare preparazione da parte della paziente.

 

 

Primo piano della pancia di una donna in gravidanza con strumentazione per seguire una cardiotomografia

 

 

A cosa serve la cardiotocografia

Questo esame viene effettuato di routine, e si applica anche a eventuali complicanze della gravidanza, riduzione dei movimenti fetali, l’ipertensione arteriosa in gravidanza, ritardi nella crescita e il sanguinamento in gravidanza.

 

Il monitoraggio della frequenza cardiaca fetale si basa sul principio che il sistema neurologico fetale è un indice fondamentale dello stato di benessere generale del bambino. Parametri da tenere sotto controllo, come l’ossigenazione, l’acidosi e altre funzioni vitali vengono monitorati dal sistema neurologico del bambino attraverso specifici recettori, che riporteranno gli effetti principalmente sulla contrazione cardiaca, che si adeguerà di conseguenza. Pertanto, la frequenza cardiaca può essere vista come un indicatore dello stato metabolico e del benessere del bambino.

 

 

Rischi e complicanze della cardiotocografia

Dal momento che vengono impiegati gli ultrasuoni, radiazioni innocue sia sui tessuti adulti che in quelli in via di formazione, non vi sono particolari rischi associati alla misurazione ecografica della cardiotocografia, né per la madre né per il bambino. 

 

La cardiotocografia, quindi, è uno strumento molto utilizzato per il monitoraggio fetale: per conoscere gli altri esami diagnostici che possono essere eseguiti in gravidanza consultate le schede sull’ecocardiografia fetale, sulla translucenza nucale, sull’amniocentesi.

 

Fonti
  • Science Direct.com - Cardiotocography;
  • Pattison N, McCowan L. Cardiotocography for antepartum fetal assessment. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD001068. doi: 10.1002/14651858.CD001068. Update in: Cochrane Database Syst Rev. 2010;(1):CD001068. 

 

In sintesi

La cardiotocografia, detta anche Non-stress test, è un esame prenatale poco invasivo che serve a monitorare il battito cardiaco del feto.

Ricerche degli utenti

  • Spirometria

    La spirometria è un test che valuta la funzionalità polmonare, usato per la diagnosi e il follow-up delle patologie respiratorie.

  • Uretrite

    L'uretrite è l'infiammazione dell'uretra, dovuta ad agenti patogeni come virus, batteri o miceti oppure, più raramente, ad agenti chimico-fisici.

  • Sindrome dell'intestino irritabile (IBS, Sindrome del colon irritabile)

    La sindrome dell'intestino irritabile è un comune disturbo della funzione intestinale caratterizzato da sintomi come fastidio o dolore addominale.

  • Impedenziometria (BIA o Bioimpedenziometria)

    L’impedenziometria è una metodica finalizzata a stabilire la composizione corporea.

  • Breath Test (Urea breath test)

    Il breath test, chiamato anche urea breath test, consiste nell’analisi del respiro ed è usato per la diagnosi dell’infezione da Helicobacter pylori e di vari disturbi gastrointestinali.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!