Angioplastica

Illustrazione 3d del sistema cardiocircolatorio per descrivere l'Angioplastica

 

L’angioplastica è una metodica utilizzata per dilatare i vasi sanguigni nel caso presentino ostruzioni o restringimenti, per esempio in seguito malattia coronarica e arteriosclerosi. Si tratta di una tecnica chirurgica mini-invasiva percutanea, cioè in cui l'accesso ai tessuti interni non avviene attraverso una incisione con bisturi (un approccio “aperto”) ma attraverso l'epidermide, con l’inserzione di un tubicino flessibile via endovenosa.

 

L’angioplastica si effettua in tutte le sedi in cui si ha il restringimento di un vaso sanguigno, anche se gli interventi di angioplastica più diffusi sono quelli a carico delle coronarie (le arterie che irrorano il cuore), le arterie degli arti inferiori che si possono occludere a causa di trombosi, le arterie renali e le arterie carotidi, responsabili dell’irrorazione del cervello.

 

L’angioplastica coronarica percutanea risulta essere il trattamento di preferenza in caso di ischemia o di infarto miocardico acuto, in quanto molto meno invasivo rispetto ad altri interventi chirurgici, come l’impianto di un bypass aorto-coronarico.

 

 

Come si esegue l’angioplastica

L’angioplastica, specie quella coronarica, di solito è preceduta da un esame di cateterismo diagnostico, per avere una valutazione diagnostica completa delle condizioni del cuore e dei vasi del paziente. Il catetere intravascolare viene inserito a livello dell’arteria radiale del braccio o dell’arteria femorale. Dopo che l’accesso nell’arteria è stato effettuato, il tubicino viene posizionato nella valvola aortica, dove sono presenti gli accessi alla coronaria destra e alla coronaria sinistra: in questo modo si otterrà un’immagine quanto più possibile descrittiva della situazione cardiovascolare del paziente. Una volta identificato il punto (o i punti) di ostruzione, si può procedere all’angioplastica.

 

Rispetto a una semplice coronarografia, il catetere utilizzato in questo intervento è più grande, e permette il passaggio di sottili fili guida all’interno delle arterie coronarie. Il catetere flessibile viene rimosso, mentre il filo guida viene fatto avanzare nell'arteria coronaria bloccata. A questo punto viene inserito sulla guida un catetere che ha una punta a palloncino che viene posizionato dove c’è l’ostruzione: il gonfiaggio del palloncino spinge le pareti dell'arteria dal centro del lume verso l’esterno, ristabilendo il flusso di sangue. Questa procedura viene eseguita in più fasi per garantire che la parete dell'arteria rimanga integra.

 

L’angioplastica è un intervento eseguito in anestesia locale, che ha una durata variabile, dai 30-40 minuti a tre ore, e, sebbene sia poco invasivo, richiede un ricovero ospedaliero. Generalmente, però, il paziente che si sottopone ad angioplastica può tornare alle sue attività il giorno dopo l’intervento.

 

 

 

 

A cosa serve l’angioplastica

Nonostante interventi come l’impianto di un by-pass rappresentino ancora lo standard per aggirare l’ostruzione dei vasi, l’angioplastica è oggi una tecnica ampiamente utilizzata per trattare i restringimenti dei vasi sanguigni, specie quelli delle arterie, in maniera poco invasiva. Grazie a questo intervento si possono scongiurare le principali complicanze dovute all’arteriosclerosi. Si ricorre all’angioplastica in caso di:

 

 

Illustrazione 3d di una procedura di angioplastica con palloncino con stent in vena. Si nota come con lo stenting il sangue torna a circolare nella vena precedentemente bloccata

 

 

Rischi e complicanze dell’angioplastica

Nonostante l’angioplastica sia un intervento meno invasivo di altri non endovascolari, presenta comunque rischi e complicanze. Le complicanze lievi si sovrappongono a quelle della coronarografia, ed includono una facilità di sanguinamento in sede di puntura aumentata determinata dalla terapia anticoagulante orale effettuata preventivamente. Le complicanze gravi sono poco comuni e dipendono in gran parte dalla gravità della malattia coronarica e dallo stato di salute complessivo del paziente. Le principali sono aritmie di nuova insorgenza, sviluppo di angina (dolore al petto), formazione di aneurismi, insufficienza cardiaca, insufficienza renale, infezione inguinale, infarto, emorragia interna, trombosi, dissezione aortica.

 

L’angioplastica è un intervento poco invasivo che serve a rimuovere un’ostruzione o un restringimento dei vasi sanguigni, in particolare nel caso della coronaropatia, malattia che determina un restringimento delle arterie che irrorano il cuore, o in presenza di eventi cardiovascolari come l’infarto miocardico acuto. Generalmente è eseguita insieme a una coronarografia, lo standard diagnostico per l’identificazione della malattia coronarica. A volte, quando il restringimento è particolarmente accentuato, alla tecnica si aggiunge un’operazione di stenting. Consultate le pagine schede per saperne di più.

 

 

Fonti:
  • La voce sull’infarto del miocardio del Ministero della Salute spiega anche come funziona l’angioplastica;
  • AUSL VDA: coronarografia angioplastica coronarica;
  • Tavakol M, Ashraf S, Brener SJ. Risks and complications of coronary angiography: a comprehensive review. Glob J Health Sci. 2012;4(1):65-93. Published 2012 Jan 1. doi:10.5539/gjhs.v4n1p65;
  • Brown KN, Gupta N. Percutaneous Transluminal Coronary Arteriography. 2020 Aug 26. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan–. PMID: 30844185;
  • Scanlon PJ, Faxon DP, Audet AM, Carabello B, Dehmer GJ, Eagle KA, Legako RD, Leon DF, Murray JA, Nissen SE, Pepine CJ, Watson RM, Ritchie JL, Gibbons RJ, Cheitlin MD, Gardner TJ, Garson A Jr, Russell RO Jr, Ryan TJ, Smith SC Jr. ACC/AHA guidelines for coronary angiography. A report of the American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on practice guidelines (Committee on Coronary Angiography). Developed in collaboration with the Society for Cardiac Angiography and Interventions. J Am Coll Cardiol. 1999 May;33(6):1756-824. doi: 10.1016/s0735-1097(99)00126-6. PMID: 10334456;
  • Antoniou GA, Murray D, Georgiadis GS, Antoniou SA, Schiro A, Serracino-Inglott F, Smyth JV. Percutaneous transluminal angioplasty and stenting in patients with proximal vertebral artery stenosis. J Vasc Surg. 2012 Apr;55(4):1167-77. doi: 10.1016/j.jvs.2011.09.084. Epub 2011 Dec 28. PMID: 22206680.

 

 

Ricerche degli utenti

  • Chirurgia bariatrica

    La chirurgia bariatrica è una branca specialistica che si occupa di trattare chirurgicamente pazienti obesi o con disturbi correlati all’obesità.

  • Chirurgia toracica

    La chirurgia toracica è la branca chirurgica che si occupa del trattamento delle malattie che interessano gli organi contenuti nella cavità toracica.

  • Chemioipertermia intraperitoneale (HIPEC)

    La chemioipertermia intraperitoneale, detta anche HIPEC, viene usata per trattare i tumori che crescono nella cavità peritoneale, combina l’azione dei farmaci e del calore.

  • Tachicardia

    La tachicardia è un’anomalia della frequenza cardiaca, in cui questa risulta superiore ai 100 battiti al minuto.

  • Fibrillazione ventricolare

    La fibrillazione ventricolare è un tipo di aritmia data da contrazioni rapide ed inefficaci dei ventricoli. Può portare ad arresto cardiaco e morte improvvisa.

  • Flutter atriale

    Il flutter atriale è un tipo di aritmia determinata da contrazioni frequenti e irregolari degli atri del cuore.

  • Forame ovale pervio (PFO)

    Il forame ovale pervio è un difetto anatomico del cuore in cui si ha una comunicazione anomala tra atrio destro e atrio sinistro.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!