Bypass aorto-coronarico

Illustrazione 3d di un cuore per descrivere il bypass aorto-coronarico

 

Il bypass aorto-coronarico è un intervento chirurgico che consiste nell’innesto di un collegamento artificiale (il bypass) tra arteria aorta e coronarie che ha come scopo la rivascolarizzazione del cuore, in seguito a malattia coronarica.

 

Cos'è il bypass aorto-coronarico 

Il cuore è un organo altamente vascolarizzato, le arterie responsabili di tale vascolarizzazione sono le coronarie, che dipartono dall’aorta, arteria che raccoglie il sangue ossigenato che fuoriesce dal cuore. In presenza di malattia coronarica, dovuta a processi patologici come l’aterosclerosi, le coronarie si possono occludere parzialmente o totalmente, impedendo di fatto l’apporto di sangue al cuore. Quando si verifica un evento del genere le cellule muscolari del cuore cessano di apportare ossigeno e nutrienti alle cellule cardiache, mettendo a repentaglio la salute del paziente e generando due possibili condizioni: l’angina pectoris e l’infarto del miocardio.

 

Per trattare l’occlusione coronarica si può intervenire chirurgicamente, attraverso l’impianto del bypass-aorto coronarico, che consiste nella creazione di un nuovo collegamento sanguigno tra aorta e coronarie, aggirando l’occlusione presente. Nonostante nel corso del tempo siano stati messi a punto altri sistemi meno invasivi per trattare l’occlusione coronarica, l’intervento di bypass aorto-coronarico rimane lo standard di cura per pazienti con lesioni coronariche complesse.

 

Si interviene quindi sul cuore del paziente affetto da malattia coronarica che presenta un occlusione parziale o totale, e si crea un passaggio collaterale artificiale che sia in grado non solo di aggirare i vasi sanguigni “malati”, ma anche di rivascolarizzare tutto il tessuto cardiaco interessato. Il collegamento artificiale (quindi il vero e proprio bypass) può essere costituito da:

  • Tratti di vena safena prelevati dal paziente. Inizialmente tutti i bypass aorto-coronarici venivano effettuati con questo vaso sanguigno.
  • Tratti di arteria mammaria, arteria della parte interna della parete toracica, che sembra migliorare l’accessibilità dell’innesto. Diversi studi hanno dimostrato, infatti, che i pazienti che ricevevano un bypass mammario hanno una sopravvivenza a 10 anni significativamente migliore, rispetto a quelli con bypass da vena safena.
  • Combinazione di tratti derivanti da arteria mammaria e vena safena, oppure da arteria mammaria e altre arterie, come l’arteria radiale: ad oggi è la pratica più utilizzata.

 

 

 

 

Come avviene l’intervento di bypass aorto-coronarico 

L’intervento di bypass aorto-coronarico è largamente utilizzato in cardiochirurgia da più di cinquant’anni, e si è evoluto di pari passo con i più recenti sviluppi della medicina e della tecnologia. L’intervento di bypass aorto-coronarico tradizionale prevede che:

  • il paziente venga sottoposto ad anestesia generale
  • il chirurgo esegua l’intervento con un’incisione verticale del torace, attraverso lo sterno (sternotomia mediana verticale) incidendo il torace. Quindi, l’innesto può essere applicato a partire dall’aorta sul cuore.
  • venga eseguita quella che è definita circolazione extra-corporea: affinché l’intervento possa procedere in maniera ottimale, il cuore del paziente viene collegato a una macchina cuore-polmoneche, per tutta la durata dell’intervento, si occupa di ricevere il sangue poco ossigenato proveniente dalle vene, ossigenarlo e infonderlo di nuovo nelle arterie. A questo punto, la circolazione nel cuore viene temporaneamente bloccata grazie ad un farmaco, senza che questo crei danni all’organismo.
  • il chirurgo impianti il bypass aorto-coronarico a cuore fermo e, una volta conclusa l’operazione, il cuore ricominci spontaneamente a contrarsi. Infine, il paziente viene staccato dalla macchina cuore-polmone.

 

L’intervento di bypass aorto-coronarico tradizionale rimane lo standard tecnico, tuttavia, gli sviluppi tecnologici hanno consentito ai chirurghi di utilizzare approcci diversi e talvolta meno invasivi. Per esempio, in pazienti con determinati profili di rischio, è possibile effettuare l’intervento di bypass aorto-coronarico senza circolazione extracorporea: il chirurgo in questo caso opererà sul cuore che continua a battere. Inoltre, il bypass può essere eseguito attraverso piccole incisioni sul lato destro del torace: questa tecnica viene detta chirurgia cardiaca mininvasiva.

 

Illustrazione due cuori prima e dopo intervento di bypass aorto-coronarico

 

Esiti e rischi del bypass aorto-coronarico 

Le probabilità di successo del trattamento, in assenza di complicanze, sono dell’83%. Nel complesso, il tasso di mortalità della chirurgia coronarica è basso, intorno al 2% –3%, nonostante questo beneficio sia compensato da un tasso di complicanze del 20% –30%. Il rischio di sviluppare complicanze a seguito di un intervento di by-pass coronarico dipende dall’età avanzata, dalla presenza di altri fattori di rischio (come il fumo di sigaretta) e dalla presenza di altre malattie. Le complicanze più frequenti sono:

  • Emorragie e infezioni post-intervento
  • Eventi cerebro-vascolari (ictus)
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza respiratoria
  • Infarto miocardico durante o dopo l’intervento

 

Il bypass aorto-coronarico, quindi, è un intervento chirurgico mirato alla rivascolarizzazione del cuore in presenza di malattia coronarica, patologia da tenere sotto controllo in quanto può condurre a condizioni come l’angina pectoris e l’infarto del miocardio. Nonostante rimanga lo standard tecnico per la rivascolarizzazione cardiaca, negli ultimi decenni sono stati sviluppate anche altre tecniche chirurgiche meno invasive, come l’angioplastica coronarica.

 

 

Fonti: 
  • Bakaeen F. CABG: A continuing evolution. Cleve Clin J Med. 2017 Dec;84(12 Suppl 4):e15-e19. doi: 10.3949/ccjm.84.s4.04. PMID: 29281607. 
  • Doenst T, Haverich A, Serruys P, Bonow RO, Kappetein P, Falk V, Velazquez E, Diegeler A, Sigusch H. PCI and CABG for Treating Stable Coronary Artery Disease: JACC Review Topic of the Week. J Am Coll Cardiol. 2019 Mar 5;73(8):964-976. doi: 10.1016/j.jacc.2018.11.053. PMID: 30819365. 
  • Hawkes AL, Nowak M, Bidstrup B, Speare R. Outcomes of coronary artery bypass graft surgery. Vasc Health Risk Manag. 2006;2(4):477-484. doi:10.2147/vhrm.2006.2.4.477 
  • Congress ESC 2020 – Simposio IFC
  • Programma EuroAction - Prendetevi cura del vostro cuore
In sintesi

Il bypass aorto-coronarico è l’intervento cardiochirurgico più praticato, che ha come scopo la rivascolarizzazione del cuore.

Ricerche degli utenti

  • Coronarografia diagnostica

    La coronarografia diagnostica è un esame radiologico con mezzo di contrasto volto a individuare e quantificare la malattia coronarica.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Defecografia

    La defecografia è un esame radiologico utile per valutare anatomicamente e funzionalmente la defecazione, in assenza di cause evidenti che motivino la stitichezza cronica.

  • Angina pectoris

    L’angina pectoris è un quadro patologico che si manifesta con dolore al petto quando il cuore riceve uno scarso afflusso di sangue.

  • Bradiaritmia

    La Bradiaritmia è un disturbo della frequenza cardiaca caratterizzata da un ritmo cardiaco inferiore a 50 battiti per minuto.

  • Cardiomiopatia dilatativa

    La cardiomiopatia dilatativa è una malattia del muscolo cardiaco che porta a dilatazione del ventricolo sinistro del cuore ed insufficienza cardiaca.

Informati: la salute con Ihealthyou

In Ihealthyou crediamo nella forza della condivisione e delle comunità e per questo motivo abbiamo pensato ad uno spazio che possa raccogliere persone interessate a informarsi, incontrarsi e ad abbracciare uno stile di vita consapevole sui temi della prevenzione e della cura della salute. Entra a far parte anche tu della nostra community su Facebook!



Entra nella community

Iscriviti alla newsletter di Ihealthyou:
scopri come prenderti cura della tua salute!